Villa Trabia con la sua serra in stato pietoso

Villa Trabia, un luogo bellissimo di Palermo, è molto degradata
Villa Trabia è un luogo della città molto degradato

(Sergio Scialabba) Villa Trabia versa in gravi condizioni di degrado. Eppure si tratta di un luogo molto amato e frequentato dai palermitani. C’è chi ci va a correre, chi a passeggiare il cane. All’interno, oltre ad uffici comunali, c’è una biblioteca dotata di vari servizi, raccolta e silenziosa, molto frequentata dagli studenti.

La Casena dei Trabia alle Terre Rosse ha una storia lunga e affascinante che comincia nella metà del 1700, quando viene avviata la trasformazione di una casena rustica in  grande villa con giardino. Successivamente, il terreno passa alla famiglia Gaetani, principi di Cassaro, ai quali risale l’attuale impianto. Poi, ancora, la villa viene acquisita da Giuseppe Lanza Branciforti, principe di Trabia, cui risale l’attuale denominazione. Successivamente la principessa Sofia di Trabia ne promuove la trasformazione in parco.

quella di Villa Trabia è una storia carica di fascino

Dagli anni Ottanta il bene è di proprietà comunale, negli anni Novanta l’amministrazione comunale ne ha promosso la valorizzazione nell’ambito di una operazione di rilancio dell’azione pubblica in servizi e dotazione di infrastrutture. 

L’arredo esterno era concepito per destare meraviglia: panchine, vialetti, statue, fontane e le essenze arboree di straordinario valore, caratteristiche del panorama urbano cittadino. Ma, oggi, il posto della meraviglia è preso dallo stupore per come tutto versi in uno stato pietoso. Particolare commozione desta la veduta della serra. (nella foto)

 

vedi

Città abbandonata, profumeria svaligiata

Via Trinacria: buio, sporcizia e insicurezza

Degrado mai visto prima

 

 

 

Lascia un commento