Vento d’Estate, eccellenza de La Casearia Carpenedo

Vento d’Estate è la novità de La Casearia Carpenedo

Si chiama Vento d’Estate e già nel nome porta con sé tutto il profumo della bella stagione. Un formaggio, a pasta semidura, che esprime tutta la verace personalità della linea dei barricati, prodotto con latte vaccino proveniente dagli allevamenti delle colline trevigiane.

Affinato in barrique di rovere, che dona un colore erbaceo e naturale in crosta, eseguito con uno speciale fieno di alta montagna tagliato a mano, costituito da più di 200 tra fiori, erbe aromatiche ed officinali.

Nel suo nome, infatti, è racchiusa la restituzione di un’esperienza sensoriale, vissuta realmente per una casualità da Antonio Carpenedo, il visionario fondatore del caseificio.

Era l’estate del 1998 quando con la moglie Giuseppina scende i tornanti di un monte e, davanti a loro, un trattore traina un carro di fieno profumatissimo.

Rapito dall’aroma d’erba appena tagliata, Antonio ha un’idea sorprendente: sorpassa il vecchio mezzo, fa cenno all’agricoltore di fermarsi e gli chiede di acquistare un piccolo quantitativo del suo fieno. Il contadino, sorpreso, acconsente e riempie il baule senza volere nulla in cambio.

Parte da questo istante il desiderio di trasmettere quel profumo di fieno al formaggio, che diventa così il Vento d’Estate. Un formaggio dalla storia suggestiva e che, proprio per questa sua origine, porta con sé un caleidoscopio di aromi, sintesi perfetta dell’eccellenza Made in Italy che parte dall’artigianalità più autentica, quella della tradizione contadina da cui La Casearia Carpenedo ha origine.

Perfetto se utilizzato nella preparazione di tagliatelle, o con uovo e biete, o ancora nei tournedos di vitello con cicoria ripassata e zucca, o semplicemente a scaglie sulla carne e accompagnato da un calice di vino aromatico.

Una ulteriore dimostrazione di come La Casearia Carpenedo abbia costruito il suo percorso negli anni con cuore, visione creativa, originalità e proiezione in avanti diventando una realtà riconosciuta come primo laboratorio di affinamento di formaggi in Italia.

Oggi l’intuito e la passione del fondatore, Antonio Carpenedo, si uniscono alla spinta evolutiva data dai figli Ernesto e Alessandro, e dalle giovani nipoti Giulia e Valentina, tutti, ciascuno col proprio ruolo, impegnati nel cammino verso il futuro, costantemente orientati all’eccellenza nel nome della cura, del rispetto e della scrupolosa selezione della migliore materia prima.

Una lunga storia di artigianalità che, oggi, si intreccia con un’incessante attività di ricerca e sperimentazione, partendo dall’ispirazione alle antiche tradizioni contadine ma prestando allo stesso tempo attenzione all’avanzata della tecnologia per tenere sempre il passo dell’innovazione. (Redazione)

vedi

Il Blu61 colora il cielo di Parigi assieme al Basajo e altri