Un genio dell’arte firma l’anno della cultura

L’ Annunciata di Palermo, capolavoro di un genio dell’ arte: Antonello da Messina

È uno degli eventi più attesi del cartellone di Palermo Capitale italiana della Cultura 2018, ritenuta per molti anni impossibile da realizzare: è la grande mostra dedicata ad Antonello da Messina, l’esposizione monografica che ne riunisce quasi per intero il catalogo, in programma da venerdì 14 dicembre a domenica 10 febbraio 2019, allestita all’interno della galleria interdisciplinare di Palazzo Abatellis.

Per la prima volta le opere del pittore messinese – provenienti da gallerie e musei italiani  e stranieri – incontrano, protagonisti di un dialogo stilistico e filologico, la celebre Annunciata, all’interno di un inedito percorso espositivo ideato da Giovanni Carlo Federico Villa, già curatore della celebre mostra – evento allestita presso le Scuderie del Quirinale dello scorso 2006.

L’esposizione, promossa dalla Regione Siciliana e da MondoMostre, sarà, dunque, non soltanto la possibilità di apprezzare in un’unica soluzione il corpus pittorico del fu Antonio di Giovanni de Antonio, ma anche di procedere ad una vera e propria indagine artistica, gnostica e psicologica sulla vita del grande Maestro del Quattrocento e sulla sua vasta produzione – fusione perfetta di arte fiamminga e stile italiano, apripista della pittura tonale e del “Rinascimento veneziano” – che analizza i rapporti con le Fiandre, il sapiente studio della luce e gli accostamenti stilistici con artisti del calibro di  Jan Van Eyck e dei pittori di pittori di Gand e di Bruges. 

Una mostra che getta luce su un personaggio di indicibile caratura, da sempre circondato da un’aura di mistero pienamente oggettivato; un mistero trasparente che si rende visibile anche nei più piccoli particolari e che ha contribuito a decretarne la fama al pari della sua straordinaria abilità tecnica. (Carmela Corso)

Lascia un commento