Un focolaio di covid alla Rap

ph Brian Yurasits on Unsplash

Alla Rap i cui operatori, anche nei momenti peggiori della pandemia, potevano essere visti da chiunque in città lavorare privi di dispositivi di protezione, il focolaio di coronavirus si allarga e – alla data del 5 settembre – i positivi contati sono ben nove.

Per questa ragione, è stata istituita l’unità di crisi nella sede dell’azienda sanitaria provinciale, ma alcuni settori potrebbero essere chiusi, con tutto quello che consegue.

Adesso che i casi sono stati resi pubblici le autorità competenti si sono premurate di eseguire i tamponi sui dipendenti in modo da verificare l’estensione del contagio ei test sierologici per tracciarne l’andamento, insomma per capire cosa sia successo fino ad ora.

Vista con gli occhi del semplice cittadino che cammina per strada e si tiene in qualche modo informato, sembra non essere stato fatto praticamente nulla in termini di controlli, dotazione del personale e controlli. (Redazione)

 

vedi

Un caso di coronavirus all’azienda di igiene ambientale

Alla Rap si lavora senza mascherina

 

 

Lascia un commento