NEWS | Un cinese alla Fao

Il neoeletto direttore generale della Fao Qu Dongyu (immagine Fao)

(Sergio Scialabba) La Fao va a un cinese. Il candidato Qu Dongyu è stato eletto a Roma direttore generale dell’Istituto delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura. Qu Dongyu, viceministro dell’Agricoltura e degli Affari Rurali della Cina, ha ottenuto 108 voti favorevoli su 191 superando la candidata francese Catherine Geslain-Lanèelle, sostenuta dall’Unione europea, ha ottenuto 71 voti. Si apprende dall’agenzia giornalistica Ansa circa l’impegno a lavorare per un futuro migliore per tutti espresso dal nuovo direttore generale, al quale il direttore uscente Josè Graziano da Silva ha consegnato il proprio pass felicitandosi per l’elezione e augurandogli buon lavoro. Felicitazioni anche da parte della delegazione francese – la cui candidata Catherine Geslain-Lanéelle ha ottenuto 71 voti – che ha auspicato un lavoro comune per un’agricoltura sostenibile. Nella votazione per il nuovo direttore generale il candidato georgiano Davit Kirvalize ha ottenuto 12 voti. L’astensione è stata una.

Congratulazioni a Qu Dongyu eletto nuovo Direttore generale della Fao“. Lo scrive su Twitter il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, in un messaggio in inglese diretto a Qu Dongyu. “Come Paese ospite, l’Italia è pronta a lavorare con lei a stretto contatto per affrontare le nostre sfide comuni sulla fame, l’insicurezza alimentare e la malnutrizione e per raggiungere un mondo più sostenibile ed equo“. Conte, com’è noto, è promotore della Nuova Via della Seta, l’imponente programma di infrastrutture promosso dal gigante asiatico che prevede il passaggio dall’Italia e la valorizzazione dei suoi porti. Ma la guida cinese della Fao significa una decisa presa d’atto del ruolo della Cina nel mondo intorno alle questioni che affronta l’agenzia. Una su tutte: l’aumento della popolazione ha conseguenze sul prezzo del cibo e, da esso, derivano gravi conseguenze sulla fame nel mondo.

 

vedi anche La Cina è vicina (anche a Unipa)

 

 

Lascia un commento