Un anno in più per Parma

Imagoeconomica

Colpita al cuore dal coronavirus nell’anno che doveva celebrarne il patrimonio e farne testimone del Belpaese, Parma ottiene un’altra meritata chance: un’anno in più da capitale italiana della cultura L’art. 187 quater comma 8 del decreto Rilancio riporta, infatti, che il “titolo conferito alla città di Parma per l’anno 2020 è riferito anche all’anno 2021.

La procedura di selezione relativa al conferimento del titolo di Capitale italiana della Cultura per l’anno 2021, in corso alla data di entrata in vigore del presente decreto, si intende riferita all’anno 2022″.

La richiesta era stata avanzata dalla Città di Parma insieme con Piacenza e Reggio Emilia alla Regione Emilia Romagna e sostenuta, anche, dalle altre città candidate per il 2021 che hanno convenuto nel far slittare la propria candidatura all’anno successivo. La scelta viene definita doverosa dal ministro competente. Si attende, adesso, la conversione in legge del decreto. (Redazione)

 

vedi

Parma da simbolo a vittima del coronavirus

 

 

Lascia un commento