Un divano a Tunisi all’Uci

ph Michel Caicedo on Unsplash

Lunedì 6 settembre negli Uci Cinemas nuovo appuntamento con Essai. Rassegna di cinema d’autore, pensato per tutti gli amanti dei film di qualità. Il protagonista di questa settimana è Un Divano a Tunisi, il film di Manele Labidi Labbé, distribuito da Bim Distribuzione e interpretato da Golshifteh Farahani.

La storia è quella di Selma Derwich, una psicanalista trentacinquenne che lascia Parigi per aprire uno studio nella periferia della città natale, Tunisi. Ottimista sulla missione, sdraiare sul lettino i suoi connazionali e rimetterli al mondo all’indomani della rivoluzione, Selma deve scontrarsi con la diffidenza locale, l’amministrazione indolente e un poliziotto troppo zelante che la boicotta. A Tunisi, dove la gente si confessa nelle vasche dell’hammam o sotto il casco del parrucchiere, Selma offre una terza via, un luogo protetto per prendersi cura di sé e prendere il polso della città.

Tra le multisale del Circuito in cui è attiva la rassegna Essai Uci Catania e Uci Palermo, il costo del biglietto è di 5 euro. Restano valide tutte le agevolazioni previste per i possessori di Skin ucicard e i convenzionati. 

È possibile acquistare i biglietti presso le casse delle multisala coinvolte, tramite app gratuita di Uci Cinemas per dispositivi Apple e Android e sul sito. I biglietti paper-less acquistati tramite app e i biglietti elettronici acquistati tramite sito danno la possibilità di evitare la fila alle casse con – FILA+ FILM.

Il pubblico può comunque acquistare i biglietti anche tramite il call center (892.960) e le biglietterie automatiche self-service presenti sul posto. Il biglietto sarà nominativo se acquistato online, mentre presso le biglietterie è previsto un registro nominativo dei clienti, come da regolamento. Per maggiori informazioni visitare il sito o la pagina ufficiale di Facebook di UCI Cinemas all’indirizzo. In alternativa contattare il call center al numero 892.960.

In tutte le multisala Uci riaperte, sono stati introdotti i nuovi protocolli di sicurezza a salvaguardia della salute e del benessere di tutto il pubblico e dello staff, come le nuove misure di distanziamento sociale che includono limitazioni nel numero di posti disponibili per ogni spettacolo e la garanzia di avere delle poltrone vuote tra gli spettatori.

Sono state inoltre adottate misure speciali affinché il percorso all’interno del cinema possa avvenire senza alcun tipo di contatto diretto e infine sono state potenziate le procedure di pulizia, con interventi più regolari. Per ulteriori informazioni sui protocolli di sicurezza visitare il sito. (Redazione)

vedi

La vita che verrà a Uci Cinemas