Tvboy alla Vucciria

La street art è sempre più popolare

“Nessun posto è come casa”, lo diceva la piccola  Dorothy di ritorno dal regno di Oz. Ed è quello che, probabilmente, avrà pensato Tvboy ritrovandosi nel cuore della Vucciria, protagonista di una vera e propria operazione di riqualificazione urbana del territorio attivata attraverso l’arte di strada.

Lo street artist di origine palermitana ha infatti scelto uno dei mercati storici della città, la Vucciria appunto, e la piazza Meli, per la realizzazione di un’opera dedicata alla Santuzza. L’obiettivo, quello di riportare a nuova vita il murale “Santa Rosalia”, realizzato in quel di Barcellona lo scorso 8 gennaio poi sparito misteriosamente qualche ora dopo. L’opera, che ha le sembianze della star del Flamenco pop Rosalía, era un tentativo di riflessione, ironica e disimpegnata, sulla facilità con cui la società moderna idolatria le icone della pop culture al pari di reliquie e figure religiose. Se un tempo erano le icone prese a modello erano i santi, oggi  sono youtuber, influencer e personaggi a vario titolo dello showbusiness.

Reso famoso per i murales satirici su personaggi della politica nazionale ed internazionale, recentissima la polemica per il celebre “bacio” tra Salvini e Di Maio (poi prontamente rimosso), Tvboy è uno dei più prolifici street artist degli ultimi anni definito da molti il “Bansky italiano” per gli argomenti trattati nelle sue opere. Un ritorno alle origini per l’artista classe 1980, al secolo Salvatore Benintende, esponente del movimento NeoPop, che, attraverso la figura della sua santa patrona, ha voluto in tal modo omaggiare la propria città Natale.
“Sono molto legato alla di figura protettrice di Santa Rosalia e a Palermo. – ha detto Tvboy – Era giusto che l’opera rivivesse qui e mi auguro abbia lunga vita”. (Carmela Corso)

Lascia un commento