Terre des Hommes e la Sicilia

ph Robert Collins on Unsplash

Dal 2011 Terre des Hommes è presente in Sicilia con il progetto Faro per la tutela e il supporto psicosociale di minori migranti e minori stranieri non accompagnati. Nell’ultimo anno l’ attività dell’equipe di psicologi e mediatori linguistici culturali avviata nel luglio 2021 si è concentrata a Pozzallo e ad Augusta in banchina e presso l’Hotspot di Pozzallo per fornire assistenza piscologica e psicosociale a oltre 1500 minori migranti e minori stranieri non accompagnati.

L’impegno si è intensificato in particolare nel 2022 come provato che 7 dei 18 sbarchi a cui ha assistito lo staff di Terre des Hommes sono avvenuti tra febbraio e aprile 2022.

Stiamo parlando di ragazzi soli, costretti ad intraprendere un viaggio estremamente pericoloso e precario e che si portano dietro vissuti traumatici.

Negli sbarchi a cui ha assistito l’equipe Faro, nel porto di Augusta e di Pozzallo, psicologi e mediatori culturali hanno fornito un primo aiuto psicologico e di orientamento per intercettare i bambini e ragazzi più vulnerabili.

Per coloro che necessitavano cure mediche, lo staff di Terre des Hommes ha svolto un prezioso ruolo di ponte tra i minori sbarcati e gli operatori sanitari, aiutando i ragazzi a gestire ansie e paure e a comprendere a pieno ciò che stavano vivendo.

Inoltre, l’equipe del progetto Faro è sempre stata un punto di riferimento per i ragazzi ospitati nell’hotspot di Pozzallo.

Attraverso l’intervento offerto dal progetto, i ragazzi hanno uno spazio di parola e ascolto e in cui possono essere accompagnati da professionisti nel nuovo contesto di accoglienza, ricevendo un’assistenza qualificata che permette di individuare prontamente i sintomi del disagio, mettendo in atto le necessarie misure di contenimento ma anche di attivazione delle risorse interne dell’individuo.

Tramite il supporto psicologico offerto dall’equipe di Terre des Hommes i minori acquisiscono strumenti per gestire meglio lo stress, limitando quei rischi che possono portare all’acutizzarsi di un disagio che va capito, conosciuto e contenuto, attraverso un approccio che permetta di trasmettere loro anche una speranza di riscatto.

Inoltre, a partire dal mese di giugno, nell’ottica di garantire continuità nell’assistenza psicosociale, il progetto Faro ha aperto un ambulatorio presso il Centro polifunzionale del comune di Ragusa, una struttura gestita dalla Prefettura, dove sono già presenti diversi servizi per la comunità straniera.

Nello spazio dell’ambulatorio, l’equipe di Faro offre supporto individuale alla persona, per casi di minori stranieri non accompagnati estremamente fragili segnalati dai centri di prima accoglienza.

Federica Giannotta, responsabile Advocacy e programmi Italia di Terre des Hommes: “In questi mesi di lavoro abbiamo visto, ancora una volta, quanto è importante poter offrire un servizio psicologico ai minori stranieri non accompagnati, perché risponde ad un’ampia gamma di bisogni molti delicati e critici che devono trovare un ascolto e una risposta professionale qualificata.

Il nostro dialogo costante con il territorio e le istituzioni ci ha permesso di portare le istanze dei ragazzi alla loro attenzione e siamo estremamente felici di riuscire ad ampliare il nostro servizio con l’ambulatorio nel Centro polifunzionale di Ragusa che ci permetterà di ampliare il nostro sostegno a chi è più fragile e che ha diritto ad un’accoglienza dignitosa e a poter immaginare di costruirsi un futuro”. (Redazione)

vedi

Evento Terre des Hommes a Ct