Taormina Film Fest nel futuro

Dal 23 giugno al 18 agosto il Taormina Film Fest

La Fondazione Taormina Arte Sicilia annuncia ufficialmente Il Taormina Film Fest che, dal 23 giugno al 18 agosto, conta quest’anno numerose premiére cinematografiche e produzioni nell’ambito dello spettacolo dal vivo.

Cambiamento e positività nel segno della tradizione, consacrata con attraverso un filmato-spot e rimarcando l’esigenza di guardare avanti anche sul piano finanziario.

La co-direzione artistica è firmata da Beatrice Venezi e Barrett Wissman (anche direttore esecutivo del festival cinematografico) che hanno presentato l’evento insieme con Esterina Bonafede, sovrintendente di Fondazione Taormina Arte Sicilia.

La stagione estiva si apre con il Gala Pavarotti Forever, realizzato in collaborazione con la Fondazione Luciano Pavarotti, presieduta da Nicoletta Mantovani.

Tra gli ospiti Placido Domingo, Marcelo Álvarez, Vittorio Grigolo, Aida Garifullina, Mario Biondi, Andrea Griminelli, e una nuova generazione di giovani artisti promossi e sostenuti dalla Fondazione Pavarotti: il soprano Giulia Mazzola, i tenori Giuseppe Infantino e Paolo Nevi, il baritono Ettore Lee. A dirigere la Taormina Art Festival Orchestra sarà Beatrice Venezi.

A seguire, sullo schermo del Teatro Antico, verrà proiettato il documentario di Leonardo Metalli Voglio vivere così… e felice Canto!, speciale su Pavarotti girato tra l’Italia e gli Usa con immagini e video esclusivi della sua vita fuori dalle scene,  tra pittura, arte culinaria e la grande simpatia che lo rendeva un personaggio unico ed inimitabile. Le anteprime dei film al Taormina Film Fest saranno concentrate nelle serate in programma al Teatro Antico.

Si parte sabato 24 giugno con il film Lo Sposo Indeciso che non poteva (o forse non voleva) più uscire dal bagno, un’anteprima assoluta per la regia di Giorgio Amato e con un nutrito cast di attori italiani tra cui Gianmarco Tognazzi, Ilenia Pastorelli, Stefano Pesce, Francesco Pannofino e Claudia Gerini. Il film è una produzione Europictures con Adler Entertainment e MG Production.

Domenica 25 giugno l’ultimo capitolo dell’iconico franchise di Indiana Jones, Indiana Jones e il Quadrante del Destino, sarà presentato in anteprima italiana a Taormina.

Il lungometraggio Lucasfilm Indiana Jones e il Quadrante del Destino arriverà il 28 giugno nelle sale italiane, diretto da James Mangold con una sceneggiatura scritta da Jez Butterworth & John-Henry Butterworth e David Koepp e James Mangold, basata sui personaggi creati da George Lucas e Philip Kaufman, il film è prodotto da Kathleen Kennedy, Frank Marshall e Simon Emanuel, mentre Steven Spielberg e George Lucas sono i produttori esecutivi.

La colonna sonora è composta ancora una volta da John Williams, che ha firmato le musiche di ogni avventura di Indiana Jones, a partire dall’originale I predatori dell’arca perduta nel 1981. La nuova epica e travolgente avventura del leggendario eroe archeologo vede recitare, accanto a Harrison FordPhoebe Waller-Bridge, Antonio Banderas, John Rhys-Davies, Shaunette Renée Wilson, Thomas Kretschmann, Toby Jones, Boyd Holbrook, Olivier Richters, Ethann Isidore e Mads Mikkelsen.

Lunedì 26 giugno prima europea per il debutto della regista A.V. Rockwell, A Thousand And One, già premiato al Sundance Film Festival.

Martedì 27 giugno  il pubblico giovane, grande atteso per questa edizione del festival, potrà ritrovare alcune dei più famosi talent e celebrities del mondo dei social media al loro primo incontro con l’arte cinematografica.

Nell’ambito della serata denominata Influential Shorts e curata da Bella Thorne, saranno mostrati, alla presenza degli stessi artisti, i nuovi cortometraggi diretti da Bella Thorne (Paint Her Red), Nina Dobrev (The one), Khaby Lame, Jacqueline Fernandez, Amanda Cerny, Adriana Lima, Barbara Palvin e altri special guest a sorpresa.

Mercoledì 28 giugno in prima assoluta verrà proiettato il film Billie’s Magic World, per la regia di Francesco Cinquemani, una produzione italiana firmata da Santo Versace e Gianluca Curti, con interpreti di eccezione tra cui Alec Baldwin, William Baldwin, Mia McGovern Zaini, Elva Trill e Valeria Marini.

Si tratta di una favola per bambini che vede per la prima volta insieme sul set i due fratelli Baldwin, con i quali Cinquemani lavora da anni. L’opera si avvale anche di animazioni e cartoni animati e registra, nella sua versione in lingua originale, la voce di Johnny Depp, per il magico pupazzo Johnny “Puff”, riprodotto con le esatte fattezze di Depp, che salverà i bambini dalle pericolose mire del perfido mago Lord Domino.

In seconda serata, arriva in prima assoluta Cattiva Coscienza, la nuova commedia di Davide Minnella. Il film, prodotto da Fulvio e Federica Lucisano, è una produzione Italian International Film – Gruppo Lucisano in collaborazione con Vision Distribution e Sky e sarà distribuito in Italia e nel mondo da Vision Distribution.

Giovedì 29 giugno il festival ospita ben 3 novità cinematografiche: in prima europea il documentario Little Richard: I Am Everything della regista Lisa Cortès, che racconta una leggenda del rock n’ roll ripercorrendo, attraverso numerose testimonianze e filmati di archivio, il mondo interiore di Richard e la storia della sua vita attraverso tutte le sue contraddizioni.

In prima assoluta il Teatro Antico ospita I Peggiori Giorni di Edoardo Leo e Massimiliano Bruno, film a episodi che prosegue l’idea di raccontare alcune delle occasioni festive che segnano le tradizioni e le vite degli italiani già sperimentata con successo nel precedente I migliori giorni.

Prodotto da Fulvio e Federica Lucisano, è una produzione Italian International Film – Gruppo Lucisano e Vision Distribution in collaborazione con Sky e sarà distribuito in Italia e nel mondo da Vision Distribution.

A seguire, in prima europea e direttamente dal Sundance Festival arriva Divinity, un visionario thriller fantascientifico dal look retrò diretto da Eddie Alcazar e prodotto da Steven Soderbergh, interpretato da un cast particolarissimo che include Stephen Dorff, Bella Thorne, Karrueche Tran, Moises Arias, Emily Willis e Scott Bakula.

Venerdì 30 giugno, in prima italiana, si proietta Jean Du Barry il film della regista, sceneggiatrice e attrice francese Maïwenn che la vede co-protagonista insieme a Johnny Depp di un dramma liberamente ispirato alla vita dell’ultima amante di Luigi XV alla corte di Versailles.

L’ultima serata del festival, sabato primo luglio, accoglierà l’evento speciale dedicato ai Nastri d’Argento. Nel corso della serata è prevista la consegna del Premio Nino Manfredi, giunto alla sua decima edizione e assegnato dai giornalisti cinematografici in accordo con la famiglia Manfredi.

Un prestigioso riconoscimento che va ogni anno ad un talento artistico, non solo nella commedia, per celebrare il grande Nino a Taormina, luogo con cui aveva un legame speciale.

Durante i 7 giorni di programmazione del Taormina Film Fest, vi saranno, in orario meridiano e pomeridiano, ulteriori significative novità, con proiezioni dislocate tra il Palazzo dei Congressi e la Casa del Cinema e Masterclass organizzate tra Casa Cuseni e l’Hotel Timeo.

È in programma una speciale retrospettiva sulla carriera del regista John Landis, con film selezionati dallo stesso Landis, che metterà in evidenza i lavori del maestro della commedia cinematografica, oltre a film diretti da amici e colleghi.

Landis sarà presente alle presentazioni e terrà una Masterclass durante il festival dal titolo La commedia al cinema, il 26 giugno, mentre Deborah Nadoolman Landis verterà la sua masterclass il 29 giugno sul tema Costume, non moda: l’abbigliamento nella narrazione cinematografica. Tra i i cult movies che omaggeranno l’arte di Landis The Blues Brothers (1980).

Si suggellerà, poi, attraverso proiezioni e incontri con i due protagonisti, la collaborazione ed amicizia di lunga data tra l’attore Willem Dafoe (grande frequentatore dell’Italia) e il regista Abel Ferrara, entrambi presenti a Taormina: per tutta la settimana, saranno proposte le proiezioni dei 7 film realizzati insieme dal duo.

Fari puntati anche sul 90esimo anniversario della Warner Bros, che verrà celebrato attraverso la riproposta di 25 tra i più grandi film del catalogo e un documentario sulla storia dello studio. Questi i film proiettati Amadeus, 1984 di Miloš Forman.

La nuova generazione: il film e il ruolo dei social media sarà invece l’argomento della masterclass tenuta da Bella Thorne & Friends il 28 giugno, un incontro per capire più approfonditamente come sta cambiando il linguaggio visivo in funzione delle nuove tecnologie applicate ai giovanissimi.

Pensando alla Fondazione che rappresento – afferma Bonafede – mi piace iniziare da una citazione di Karl Klaus: Quando il sole della cultura è basso i nani hanno l’aspetto dei giganti. È nostra intenzione contribuire affinché il sole e la cultura siano sempre più in alto proprio perché vorremmo che la realtà fosse corrispondente a quello che è il compito fondamentale della cultura stessa, di educare le anime, la vita delle persone ispirando l’arte come strumento di elevazione.

L’arte in tutte le sue forme come la musica, il teatro, la danza, la prosa, il cinema sono strumenti straordinari. Riteniamo che dalla Fondazione Taormina Arte Sicilia possa partire un messaggio: diventare quasi un modello da essere replicato. Stiamo mettendo insieme tutte le nostre energie e tante sono le persone coinvolte che lavorano con grande entusiasmo e passione.

Per noi è doveroso dare a tutti loro un grande ringraziamento perché stanno permettendo che una stagione di ampio respiro culturale stia prendendo forma. Crediamo, allo stesso tempo, che questo lavoro non è altro che un forte riconoscimento per tutti coloro che ci hanno preceduto e che hanno dedicato la loro vita all’arte e alla cultura della rappresentazione.

Pensiamo inoltre a chi sta investendo al futuro, i nostri giovani. Ed a loro rivolgiamo un invito ad essere presenti in quanto abbiamo voluto fortemente dare uno spazio speciale nella nostra programmazione affinché possano affermare le loro ispirazioni ed i loro desideri. Se noi riusciremo in questo compito, potremo dire come scrive Ezio Bosso che la musica è magia e non a caso i direttori d’orchestra hanno la bacchetta.

Noi pensiamo fortemente che questa magia si possa realizzare partendo proprio da un posto incantevole come Taormina. Vogliamo anche credere che tutto ciò possa arrivare nei cuori di chi ci ascolterà, ci leggerà e soprattutto sarà quest’anno insieme a noi al Teatro Antico”.

È un momento di svolta direi epocale per la Fondazione Taormina Arte Sicilia – continua Venezi – che finalmente, con questa stagione 2023, torna a produrre e a porsi come interlocutore artistico di rilievo nel panorama nazionale ed internazionale.

L’attività di direzione artistica che sto svolgendo va nell’ordine di idee di restituire a Taormina il ruolo di palcoscenico dell’eccellenza. Sono felice di poter comunicare che Taormina Arte quest’anno si potrà avvalere della collaborazione della Fondazione Pavarotti, dell’Opera di Stato di Budapest (Mupa), del Teatro dell’opera di Metz oltre che di altri enti nazionali coproduttori come il Vittoriale degli Italiani e i teatri del circuito veneto, di artisti di assoluto rilievo nazionale ed internazionale come Eleonora Abbagnato e Jacopo Tissi, i cantanti lirici Alberto Gazale, Marcelo Puente, Marco Berti, Massimo Cavalletti e Annunziata Vestri, così come registi come Giancarlo Del Monaco e Giancarlo Marinelli.

La Fondazione Taormina Arte svolge anche un’azione importante di talent scout e valorizzazione dei giovani, assieme alla Fondazione Pavarotti sono state infatti svolte delle audizioni volte all’individuazione di giovani promettenti della lirica da far debuttare sul nostro palcoscenico durante la stagione estiva.

Personalmente mi auguro che questo primo esperimento possa risultare prodromico rispetto alla creazione di un’accademia lirica che possa diventare un punto di riferimento per la Sicilia e per tutto il Sud Italia.

Nel nostro Paese esiste un gap tra il mondo dell’istruzione e quello del lavoro in molti ambiti, compreso il mondo della produzione dello spettacolo dal vivo e del teatro. È per questo che siamo anche al lavoro per l’individuazione di profili di giovani che vogliono dedicarsi a fare esperienza diretta sul campo all’interno della nostra Fondazione affiancando le varie figure professionali”.

“Siamo entusiasti di presentare una selezione incredibile di talenti e celebrità internazionali quest’anno a Taormina” – conclude Wissman, chiamato a co-dirigere la Fondazione data il suo expertise pluridecennale in ambito musicale e cinematografico che vede la realizzazione di prestigiosi festival a livello mondiale (questo è il suo 150esimo)  – Ringrazio la co-direttrice artistica Beatrice Venezi e il Sovrintendente della Fondazione Tao Arte Sicilia, Ester Bonafede, per aver reso possibile tutto questo e per avermi dato fiducia nel portare avanti un impegno così importante come la realizzazione di questo Festival.

Anche se la mia nomina è avvenuta solo poche settimane fa, siamo riusciti a organizzare un programma che rappresenterà un nuovo importante corso per la Fondazione e per la città di Taormina, perla del Mediterraneo“. (Redazione)

vedi

Bella Thorne arriva a Taoarte