Tantissimi studenti hanno scioperato per l’ambiente

piazza Ruggero Settimo

(Sergio Scialabba) Tantissimi studenti delle scuole della capitale hanno aderito allo sciopero scolastico per il clima. La manifestazione indetta su scala planetaria viene identificata con la personalità di Greta Thunberg. Il ministro competente Lorenzo Fiaramonti ha indirizzato una circolare ai dirigenti scolastici formulando l’auspicio di valutare il valore civico dell’iniziativa.

A questa, in una piazza Ruggero Settimo gremita, hanno preso parte anche le organizzazioni sindacali (che, per statuto, dovrebbero occuparsi di lavoro, il vero grande problema che riguarda i giovani).

I temi-bandiera del nascente movimento sono, infatti, l’uso di energia pulita, delle fonti rinnovabili e l’aiuto ai rifugiati e ai migranti climatici per contrastare cambiamento climatico e riscaldamento globale. Su tutto questo il dibattito è aperto, sia in sede scientifica sia sul piano politico. Nel secondo caso, le perplessità riguardano la percezione da parte dei manifestanti della relazione effettiva tra i temi in discussione e gli stili di vita largamente diffusi proprio tra loro.

 

 

 

 

Lascia un commento