Startup CultTech sbarca a Catania

La startup Culturatela digitalizza a Catania un gruppo di musei

Culturatela, startup CultTech che innova il mondo della cultura con AI e Big Data mettendo a disposizione di pubbliche amministrazioni, istituzioni culturali ed enti privati un portale della cultura all-in-one, è stata scelta dal Comune di Catania per la fornitura di un sistema avanzato di biglietteria elettronica, con inclusi hardware, formazione e assistenza per un anno.

L’appalto riguarda in particolare la fornitura, l’installazione e la configurazione di un sistema informatico integrato per la gestione dell’emissione di biglietti e la reportistica. La sua implementazione permetterà di avere un controllo più efficace e un’interazione più diretta con i visitatori, attraverso un processo che integra la vendita di biglietti e abbonamenti, sia in loco che online

La soluzione proposta da Culturatela è un applicativo web nativo, open source e con licenza d’uso illimitata, che include l’installazione e la configurazione per le postazioni e le utenze. Grazie all’utilizzo dell’AI e dei Big Data, il sistema sarà in grado di gestire in maniera efficiente le prenotazioni, anche per i gruppi, con l’introduzione di scaglionamenti orari che ottimizzano il flusso dei visitatori e migliorano l’esperienza complessiva.

Inoltre, la possibilità di emettere biglietti nominativi contribuirà a personalizzare il servizio, aumentando la sicurezza e offrendo nuove opportunità di interazione. La raccolta dati in tempo reale e le analisi statistiche degli accessi permetteranno poi di avere una visione immediata sull’andamento delle visite, un aspetto cruciale per la pianificazione strategica e l’aggiornamento continuo delle offerte culturali. 

Non solo. Grazie alla recente partnership siglata con Evening, startup in ambito RetailTech specializzata nella dematerializzazione di scontrini e biglietti d’ingresso attraverso l’utilizzo di QR code, Culturatela dà la possibilità ai gestori dei luoghi culturali di emettere biglietti paperless, aumentando la digitalizzazione e rendendo più sostenibili le proprie strutture.

“Siamo orgogliosi di supportare il Comune di Catania in questo progetto rivoluzionario. La nostra tecnologia non solo semplifica l’accesso e la gestione dei servizi culturali, ma contribuisce anche a ridurre l’impatto ambientale, grazie agli accordi presi con player strategici del settore, come Evening. Questo è un passo fondamentale verso un futuro in cui il patrimonio culturale è accessibile a tutti, nel pieno rispetto del nostro pianeta” afferma Vincenzo Paduano, CEO e co-founder di Culturatela.

Con questo contratto, Culturatela dichiara di porsi all’avanguardia nel settore della cultura e del turismo nel nostro Paese, proponendo un modello di gestione avanzato e rispettoso dell’ambiente e aprendo anche nuove prospettive per il futuro in Sicilia.

I Musei Civici di Catania che usufruiranno dell’installazione sono: Museo Civico Castello Ursino, Museo Belliniano, Museo Emilio Greco e Palazzo della Cultura. (Redazione)

vedi

Il grande gap

Lascia un commento