Sopravvivere con un trench

ph Masha Kotliarenko on Unsplash

“To have a thin skin” dicono gli inglesi, ovvero avere la pelle sottile, essere particolarmente sensibili, un pregio o un difetto a seconda delle prospettive. Certe indagini della psicoanalisi hanno rivelato che la paura di essere punti da un ago rimandi a quella pelle sottile che, se bucata, (pensa un pò) farebbe volar via i propri pensieri più o meno reconditi.

Forse anche per questo gli inglesi escogitarono di spalmare i tessuti di un soprabito di un sottile strato di gomma, in modo da rendere impermeabile il capo di abbigliamento e, quindi, il fortunato proprietario.

In grado, così, di resistere alle intemperie, al vento e al gelo, nonchè alle tempeste della vita. Forse quello che ci vuole per sopravvivere a tempi di lupi, tenendo uniti oltre che i cugini americani anche inglesi ed europei (paradossalmente divisi dalla Manica).

Nasce così l’intramontabile Trench Coat. L’azienda che diede il là fu Macintosh, nel 1823, e la sua applicazione nell’abbigliamento militare fu ovvia. Trench significa, infatti, trincea e il modello ideato per la Grande Guerra è identico a quello attualmente esposto nelle vetrine o sui siti dei marchi più prestigiosi.

Si dovette aspettare il Novecento per vederne la diffusione, insieme con quella di tessuti come il gabardine, inventato da Thomas Burberry, elegante e robusto. Il Trench familiare per le vie delle metropoli nelle sere invernali di pioggia e neve, portato da uomini e donne, rilanciato da un mito inossidabile del cinema come l’attore Humphrey Bogart.

La sua inconfondibile manica raglan, il sormonto e il sottogola, ganci e falde, la cintura con gli anelli di ottone, i cinturini. Dettagli che richiedono una certa gradazione di qualità e di rifinitura. Sofisticato ma spartano, panoplia di un moderno soldato che, alla fine del Novecento, quando la moda sembra dare il meglio di sé, viene ingentilita da tessuti più leggeri e diverse varietà di colori, esorcizzandone l’anima machista e problematica. (Sergio Scialabba)

 

vedi

Molto più di un accessorio

Amato stivale

Indossata non fa una piega

L’estate 2020 ha l’asso nella manica

 

 

 

 

Lascia un commento