Solo un brivido nel finale

ph Joshua Hoehne on Unsplash

(Carmela Corso) Un pareggio che frena quella che per il Palermo, almeno sulla carta, poteva essere una partenza in positivo. Sul campo della Salernitana, il 3-5-2 schierato da Bruno Tedino, con Nestorovski, Moreno e Trajkovski non riesce ad imprimere forza di gioco sugli avversari chiusi, come i padroni di casa, a riccio col timore di esporsi troppo.

È il Palermo ad affacciarsi, soprattutto nella prima metà di gioco, costruendo e provando qualche conclusione che non riesce, tuttavia, a concretizzarsi nell’1-0 che, quasi certamente, avrebbe indirizzato la partita in favore dei rosa.

Ci prova Nestorovski al 40’ con un passaggio diretto a Trajkovski che prende la traversa. Non mutano gli equilibri nemmeno i cambi effettuati da ambedue le parti durante la ripresa, con Haas che sostituisce uno spento e poco incisivo Moreno e che, al 65’, ci prova mandando la sfera sotto porta.

Al 70’ é Jallow a guidare la ripartenza della Salernitana tentando la conclusione che viene, però, intercettata da Brignoli che fa preda del pallone.

Brivido durante le battute finali del match quando, allo scadere dell’89’, il momentaneo vantaggio della compagine allenata da Colantuono (allontanato dal campo per proteste), tradotto in una zampata di Bocalon innescata da Di Gennaro e Jallow, viene annullato dall’arbitro Eugenio Abbattista per fuorigioco del veneziano che copre, in extremis, la clamorosa papera di Brignoli.

Uno 0-0 che non premia e non punisce ma che costa al Palermo due punti importanti nella scalata verso la serie A, aggiungendo altri nodi al pettine. Prossimo impegno per i rosanero, per la seconda di campionato, venerdì 31 agosto quando ospiterà al Barbera la Cremonese di Andrea Mandorlini.

Lascia un commento