“Solidarietà, aiuto vicendevole contro l’intolleranza, l’odio, la contrapposizione”

Mattarella all’ Università Campus Bio-Medico

ROMA – “Chi può immaginare, chi può comprendere come sarà il mondo del futuro? La risposta è illuminante: chiedete ai vostri bambini. Io credo che la risposta dei bambini – per chi li sa ascoltare e interpretare – sia sotto gli occhi di tutti: cercare di avere una vita serena e quindi una convivenza serena, un modo sereno di stare insieme contro la chiusura egoistica e l’arroccamento egoistico. Quindi avere un senso di responsabilità, appunto, contro l’indifferenza”: lo ha detto il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella intervenuto alla cerimonia di inaugurazione dell’anno accademico 2019-2020 dell’Università Campus Bio-Medico.

“I bambini percepiscono quando negli adulti vi è senso di responsabilità e non indifferenza. Chiedono ancora – per chi li sa intendere (ed è facile comprendere i bambini) – solidarietà, aiuto vicendevole, appunto, contro l’intolleranza, l’odio, la contrapposizione“, ha proseguito il capo dello Stato che ha portato il suo saluto a tutti coloro che lavorano al Campus, ai docenti, ai medici, al personale infermieristico, ai dirigenti, al personale amministrativo e tecnico.

Se a una signora anziana come Liliana Segre, che non ha mai fatto male alcuno ma che il male lo ha subito da bambina in forma crudele, è necessario assicurare una scorta, vuol dire che questi interrogativi non sono né astratti, né retorici” ha poi rimarcato.

Alla manifestazione nell’ateneo promosso dall’Opus Dei hanno preso la parola anche Felice Barela, Presidente dell’UCBM; Raffaele Calabrò, Rettore dell’UCBM; Augusto Ferrini e Giulia Rossi, studenti del Campus. La prolusione, dal titolo “Rivoluzione quantistica: il futuro è tra noi”, è stata affidata a Massimo Inguscio, ordinario di Struttura della Materia, Fisica, Atomica e Ottica. (Redazione)

 

vedi

Liliana Segre è stata al Teatro Massimo

 

 

 

Lascia un commento