Si spende di meno per viaggiare per mare

il porto di Palermo

(Redazione) Crescono le partenze da Venezia, quest’anno il 20 per cento del totale (+5 per cento rispetto il 2018). In aumento anche le partenze da Genova + 3 per cento (da 13 a 16), Bari + 1 per cento (dall’8 per cento del 2018 al 9 di quest’anno). Stabili Napoli (6 per cento) e Palermo (4 per cento). 

L’osservatorio Ticketcrociere, il brand italiano di Taoticket s.r.l, agenzia di viaggi online specializzata nel segmento crociere che, nel 2018, ha fatto registrare quasi 20mila prenotazioni, per un volume d’affari di circa 16 milioni di euro, fotografa i gusti dei crocieristi italiani. Per il 2019 l’azienda prevede una crescita del 22 per cento, con un fatturato che toccherebbe quota 20 milioni di euro sul Ferragosto degli italiani in crociera.

Cresce il Mediterraneo (75 per cento) e calano i Caraibi che, in coppia con Cuba, passano da un complessivo 14 per cento all’attuale 7. Il Mediterraneo è una destinazione cresciuta, quest’ anno, di 7 punti percentuali rispetto al 2018, quando era scelta dal 68 per cento dei passeggeri. Ticketcrociere ha rilevato trattarsi della vera e propria sottrazione di una quota di mercato.
Il 52 per cento degli italiani parte in famiglia e diminuisce di oltre 200 euro rispetto al Ferragosto 2018 il budget medio a cabina. Per quanto riguarda il Ferragosto nel Mediterraneo, il 47 per cento sceglie l’area occidentale visitando, per esempio, Ibiza e Palma di Maiorca, Marsiglia e Cannes in Francia, Ajaccio, Barcellona, Malta Genova, Napoli, Roma o Palermo. Il 28 per cento predilige invece il Mediterraneo orientale. Venezia in primis, ma anche isole greche come Mykonos, Corfù o Santorini, la croata Dubrovnik e la nuova tappa della movida estiva Saranda, in Albania. Più o meno costante, la richiesta di Nord Europa, al 13 per cento per il Ferragosto 2019 (in leggera crescita rispetto al 12 per cento del 2018).

I passeggeri delle navi nella settimana centrale di agosto per il 52 per cento sono famiglie; c’è un 41 per cento di coppie e sono solo l’1,5 per cento i single che scelgono la vacanza a bordo di una nave da crociera.

Sulla scelta della sistemazione, il 42 per cento opta per una più economica cabina interna, ma chi sceglie l’esterna predilige il balcone (33 per cento) all’oblò (20 per cento); per il 5 per cento ci sono le suite.

Altro dato interessante del Ferragosto 2019 è quello relativo al budget impegnato. «Se è aumentata la capacità di spesa degli italiani che scelgono il lusso, lo stesso non si può dire del budget medio a cabina per una crociera nella settimana di Ferragosto, che quest’anno è di 3.577 euro contro i 3.793 del 2018 – dice Nicola Lorusso, amministratore di Ticketcrociere – Un calo del 5,7 per cento  che si traduce in oltre 200 euro in meno a cabina».

 

 

 

Lascia un commento