Si apre uno spiraglio per barbieri e parrucchieri

Theme Photos on Unsplash

Saloni di barberia e di parruccheria, estetisti e servizi di cura della persona potrebbero riprendere l’attività il 18 maggio. È stato il ministro degli Affari Regionali Francesco Boccia a far filtrare questa ipotesi. Essa tiene conto della redazione delle linee guida che saranno predisposte tra il 14 e il 15 maggio e della diversa gravità con la quale il coronavirus ha colpito le regioni italiane. La Sicilia – in via d’uscita prematura dalla fase di emergenza acuta – potrebbe essere  premiata e riaprire, prima, in questo comparto. Molti artigiani sono letteralmente allo stremo. La misura molto rigida che li ha riguardati è apparsa particolarmente ingiusta. I saloni sono, già, tenuti a garantire un elevato standard igienico particolarmente stringenti. Un protocollo li avrebbe messi nelle condizioni di aprire molto prima, adeguando le misure all’emergenza in corso. Invece, oltre al danno, hanno subito pure la beffa dell’abusivismo che potrebbe avere contribuito alla diffusione del contagio. (Redazione)

 

vedi

“Parrucchieri, barbieri e centri estetici rischiano il fallimento”

Barbieri e parrucchieri molto danneggiati dal governo

 

 

Lascia un commento