Sentenza amara

sentenza amara per il Palermo Calcio

(Alessandro Ferrante) Atteso come uno degli snodi fondamentali del precampionato, la sentenza del Tribunale Nazionale Federale si è rivelata l’ennesimo boccone amaro per i tifosi rosanero.

Cinque punti di penalizzazione da scontare nella serie A 2018-2019 per il Parma; 2 anni di squalifica per Emanuele Calaiò.

In tanti speravano che, come previsto dal regolamento, la penalità determinata dal Tribunale presieduto da Mario Antonio Scino venisse applicata alla classifica finale della serie B 2017-2018, ossia quella durante la quale è avvenuto il misfatto dei messaggi. Questo si sarebbe tradotto in una promozione del Palermo. Ma, appellandosi ad una norma che prevede come base di partenza la “stagione in corso” (ovvero la 2018-2019 che secondo la sentenza avrebbe avuto avvio in data 01-07-2018), i giudici hanno decretato i 5 punti di penalizzazione mantenendo i Ducali nella massima serie.

La notizia sembra non aver turbato più di tanto la società rosanero. Se si eccettua la lapidaria dichiarazione di Maurizio Zamparini (“E la chiamano giustizia sportiva!”), nulla trapela dagli uffici di Viale del Fante. Ma sembra che si stia lavorando per presentare entro 48 ore un ricorso basato proprio sull’interpretazione del regolamento da parte del Tribunale.

Intanto il Tribunale del Riesame ha imposto il dissequestro di un milione di euro dalle casse della società. Il sequestro preventivo era scattato nell’ambito dell’indagine della procura sui conti del Palermo, ma a quanto sembra le tesi difensive della società rosanero hanno prevalso su quelle dell’accusa. Una bella boccata di ossigeno per la società.

La squadra intanto, agli ordini di Bruno Tedino, prosegue la preparazione nel ritiro di Sappada. Sul fronte mercato si lavora sotto traccia sia in entrata che in uscita. Mentre ormai sembra fatta per l’arrivo dell’attaccante romeno Puscas dall’Inter e del centrocampista Nicolas Haas dall’Atalanta, il Palermo sembra in procinto di cedere in prestito Gnahore all’Amiens, formazione francese di Ligue 1.

Nonostante, dunque, la porta della serie A non si sia del tutto chiusa, il DS Foschi prosegue il suo lavoro di preparazione, cercando di costruire una formazione in grado di riportare i rosanero nel massimo campionato.

Lascia un commento