Senec si impegna per Cormons

ph Gabriele Merlino on Unsplash

È stato reso noto il testo di quello che, ormai, è conosciuto come Decreto Cer, approvato, dopo una lunga attesa, lo scorso 22 novembre dalla Commissione Europea e che contiene importanti misure per la creazione di comunità energetiche rinnovabili e di altre configurazioni di autoconsumo collettivo.

“L’approvazione del decreto sulle Cer da parte della Commissione Europea, che giunge dopo qualche settimana dopo la pubblicazione del Gse della mappa delle cabine primarie, sarà la spinta definitiva necessaria allo sviluppo di queste realtà in Italia” ha commentato Vito Zongoli, Ceo di Senec Italia.

“L’Italia è stata tra i primi in Europa a muoversi nel campo delle comunità energetiche e sono fiero che ora si sia arrivati ad una svolta che permetterà al nostro Paese di proseguire questo primato ed emergere come un modello da seguire.

Le Cer – ha proseguito – rappresentano infatti un’importante cambiamento nel rapporto tra cittadini ed energia e un passo fondamentale nella promozione dell’autoconsumo di energia da fonti rinnovabili e nel raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità che l’Europa si è posta entro il 2030”.

Il Decreto Cer è incentrato su 2 misure: una tariffa incentivante sull’energia rinnovabile prodotta e condivisa dai membri della Comunità e un contributo a fondo perduto.

L’incentivo cambia in base alla potenza dell’impianto (inferiore a 200, tra 200 e 600 e superiore a 600 kWp) ed è composto da una parte fissa (60 euro /kWh) più una parte variabile a seconda del prezzo zonale.

Viene, poi, applicato un supplemento a seconda della localizzazione geografica dell’impianto (4 euro/MWh in più per le regioni del centro e 10 euro /MWh in più per quelle del nord Italia). La potenza degli impianti finanziabile è pari a5 Gigawatt complessivi, con un limite temporale a fine 2027.

Per i Comuni italiani con meno di 5.000 abitanti è, inoltre, previsto un contributo a fondo perduto fino al 40 per cento del costo sostenuto per realizzare un nuovo impianto al servizio di una Comunità Energetica o per potenziarne uno esistente, che può essere cumulato con la tariffa incentivante entro limiti definiti.

Tra i progetti che vedono Senec protagonista in Italia c’è quello di Cormons, Comune della provincia di Gorizia: lo scorso marzo è stato infatti presentato il progetto per la creazione – insieme con Confartigianato Servizi Friuli Venezia Giulia e Senec, di una comunità energetica a favore del territorio, grazie alla realizzazione di un impianto fotovoltaico da 2 Megawatt.

Parte del progetto è anche la riqualificazione di alcune strutture esistenti, tra le quali una struttura di ricettività funzionale al turismo slow/ecosostenibile, un’area attrezzata per la sosta di camper, van e caravan, un’area dedicata per l’assistenza e il ricovero (bike box) di e-bike/biciclette a pedalata assistita.

Previsto un centro di aggregazione intergenerazionale, rivolto ai giovani e agli anziani ma, anche, laboratori dimostrativi focalizzati sui mestieri artigiani e, ancora, spazi dedicati al coworking e alla promozione di prodotti e servizi del territorio.

L’operazione, nel suo complesso, avrà una portata finanziaria compresa tra i 5 e i 7 milioni e i cantieri saranno aperti nel 2024 (per chiudersi nel giro di un anno).

Per avere informazioni più dettagliate sulle Cer o su altre soluzioni per ridurre costi energetici ed impatto ambientale, visitare la pagina del sito Senec dedicata a Efficienza Facile, progetto nato per offrire alle imprese un pacchetto completo di servizi per lo sviluppo di comunità energetiche ed altre opzioni di fotovoltaico industriale. (Redazione)

vedi

Ottimismo sul Decreto Energia