Sempre perfetti per andare da nessuna parte

ph Bruce Mars on Unsplash

Una pausa, non sappiamo ancòra quanto lunga, serve a mettere da parte l’idea che l’eleganza sia un’arma di seduzione e, in ambito lavorativo, anche un modo per presentare un’idea, un progetto o per imporre la propria personalità. Il concetto non vale al tempo dello smart-working quando conta, soprattutto, stare bene con se stessi. Che non significa lasciarsi andare.

La felpa, con i suoi cappucci, zip, pantaloncini (le donne in casa possono osare) si prende la rivincita sui tessuti più pregiati: sportiva e comoda nei colori pastello, in nero o anche verde o arancio accesi: piccole esagerazioni ottimistiche che guardano già al futuro.

Le sneakers vengono restituite alla loro funzione. Ma anche il mocassino, magari valorizzando i pellami. Straordinario il cervo: resistente, impeccabile e, soprattutto, morbido e avvolgente.

La camicia resta la regina del guardaroba maschile: di lino, bianca o celeste, da abbinare a un pantalone di cotone blu. Barba sempre curata o pelle liscia per chi ama sbarbarsi e, per le donzelle, è questo il momento del trucco-non trucco, no make up-make up. Il tempo delle sperimentazioni verrà. (Redazione)

 

vedi

La cravatta, simbolo occidentale, tiene duro

Amato stivale

Dall’arte al bowl-cut: il volto è sempre protagonista

Indossata non fa una piega

L’estate 2020 ha l’asso nella manica

Si svelano i trucchi del trucco

 

 

Lascia un commento