Segni di danza e musica al Massimo

il violoncellista Adriano Maria Fazio è un talento della musica colta

É stato definito “nuovo maestro del violoncello barocco”. È Adriano Maria Fazio, classe 1990, uno degli astri nascenti del panorama internazionale della musica barocca, protagonista insieme al danzatore Damiano Ottavio Bigi, in una doppia data, venerdì 9 e sabato 10 marzo di “Signs”, in scena nella Sala degli Stemmi del Teatro Massimo, per la regia di Alberto Cavallotti. Un interscambio tra danza e musica, uno spettacolo ibrido, pensato per gli occhi, le orecchie e il cuore, in cui la danza descrive e completa il messaggio della musica. Due arti sorelle che si incontrano e si incastrano dando al pubblico più chiavi di lettura possibili. Un’esperienza sensoriale, in cui ci sarà musica da vedere e danza da ascoltare.

Un dialogo complementare che, attraverso il programma musicale per violoncello solo, spazia dal Settecento fino alla musica contemporanea: dalle Suites per violoncello solo di Johann Sebastian Bach al Capriccio in Do minore di Giuseppe Maria Dall’Abaco, a Nepdalfele da Signs e Games and Messages di György Kurtág e, ancora, in prima esecuzione assoluta, Quasi una sarabanda di Orazio Sciortino, pianista e compositore siracusano classe 1984.

Originario di Termini Imerese, Adriano Maria Fazio, musicista e docente, è tra i talenti più in vista della più giovane generazione di violoncellisti specializzati nel repertorio barocco e nella prassi esecutiva storicamente informata. Con tre album all’attivo (Thinking Bach, Porpora/Costanzi – 6 cello sonatas e Invisible) ha raccolto grande favore dalla critica internazionale, grazie anche a collaborazioni artistiche con i più autorevoli rappresentanti della scuola italiana di prassi esecutiva barocca e esecuzioni in alcune delle più note sale e stagioni concertistiche in Italia e all’estero.

Damiano Ottavio Bigi, romano, danzatore e coreografo nel trio CDT – insieme a Thusnelda Mercy e Clémentine Deluy – è anche membro del “Tanztheater Wuppertal Pina Bausch”. Presente in numerose tournée della compagnia ha partecipato anche al film Pina di Wim Wenders. Attivo anche come docente, tiene con frequenza corsi e laboratori in Italia e all’estero.

Lo spettacolo andrà in scena alle ore 20:30. I biglietti, dal costo di €10 (intero) – €6 (ridotto), sono acquistabili presso la biglietteria del teatro dal martedì alla domenica dalle ore 9:30 alle ore 18:00 e nei giorni di spettacolo a partire da un’ora prima e fino a mezz’ora dopo l’inizio. (Carmela Corso)

Lascia un commento