Secondo Orlando molte imprese non riapriranno

Orlando

(Redazione) Ecco il testo della dichiarazione del sindaco Leoluca Orlando riportata dal sito del Comune di Palermo:

Il dibattito incentrato sulla data di apertura di alcune attività commerciali mi sembra del tutto fuorviante. Ci sono migliaia di imprese per le quali il problema non è più quando (scritto a caratteri cubitali ndr) riaprire, ma piuttosto “Se sarà possibile (a caratteri cubitali ndr) riaprire.

Credo che a molti sfugga la vastità e la profondità del danno strutturale che il blocco totale di alcune attività economiche ha determinato.

Ci sono imprenditori che non hanno incassato un euro per quasi due mesi durante i quali hanno dato fondo a tutti i propri risparmi;

ci sono imprese che anche con una riapertura parziale e scaglionata non potranno sostenere le spese vive di gestione. 

Quello che serve è un piano complessivo per l’economia che non sia un semplice calendario di aperture, né, tanto meno, una lista della spesa dove si aggiungono soluzioni parziali e non risolutive.

Occorre un piano nazionale e regionale per il sostegno alle imprese, che unisca provvedimenti diretti – come i finanziamenti a fondo perduto – ed indiretti – come gli sgravi o le esenzioni fiscali, per le quali occorre però trovare forme di compensazione per le minori entrate dei Comuni, a loro volta a rischio di bancarotta e di non poter garantire servizi essenziali.

Per questo abbiamo chiesto, come Anci, che arrivi quanto prima un nuovo Dpcm e per questo chiediamo con forza di interloquire col governo regionale perché per  tutte le misure allo studio sia forte l’interlocuzione con gli Enti locali nell’ottica della collaborazione istituzionale e della visione d’insieme.

Fermo restando che occorre riaprire al più presto possibile tutte le attività in cui potranno essere garantite le condizioni di sicurezza e prevenzione, credo però che senza una visione strategica la nostra economia non si riprenderà facilmente da questa crisi.

 

vedi

L’Anci chiede mezzi e autonomia per servire i cittadini

Il nuovo governo, il ruolo del Sud e la città

 

 

Lascia un commento