Se “La Bua” non va via

ph Heather Morse on Unsplash

Assistenza sanitaria, ascolto educativo, prestazioni psicologiche, punti di ascolto, visite ambulatoriali e monitoraggi. Sono i servizi principali che il progetto Bua Via, lanciato a giugno scorso dal coordinamento del Movimento Difesa del Cittadino della Sicilia, offre all’intera popolazione siciliana per approfondire il più possibile gli aspetti psicologici legati alla pandemia.

Il progetto, che prende il nome dal grido di un bambino di due anni che, nella sua ingenuità, dice “Bua vai via” perché spera che il covid-19 possa andarsene dal corpo dello zio, è realizzato con i fondi del Ministero dello Sviluppo Economico riparto 2020 ed ha come obiettivo quello di fornire supporto di vario genere a tutti i cittadini del territorio siciliano, con particolare attenzione ai giovani, che si trovano in condizioni di disagio conseguente alla diffusione del virus.

L’iniziativa, presentata in una conferenza online dalla presidente regionale del Movimento Difesa del Cittadino della Sicilia, Enrichetta Guerrieri e dalla coordinatrice del progetto, MariaLuisa De Simone, si avvale anche dell’attivazione del numero verde gratuito 800 588 665, con cui è possibile richiedere un aiuto immediato.

Per dare maggiore voce e copertura a Bua Via sono stati attivati degli sportelli informativi disseminati in tutto il territorio siciliano: ci sono gli sportelli di ascolto di Palermo e Ragusa organizzati dal Movimento Difesa del Cittadino, lo sportello della Federconsumatori a Caltanissetta, quello Adiconsum di Milazzo, Omnia a Patti, Aduc a Siracusa, Udicon a Palermo e l’Udiconsum a Termini Imerese.

Sul sito ufficiale del progetto è stato dedicato ampio spazio alla raccolta di dati mediante un questionario online anonimo con il quale si canalizzeranno tutte informazioni legate agli stati d’animi, le speranze e le difficoltà nate durante il periodo più duro della pandemia da covid-19.

Il questionario è rivolto a tutti e servirà anche a creare una base statistica con la quale poter indirizzare in maniera più diretta gli aiuti ed il sostegno necessario. (Redazione)

vedi

I geometri donano un ventilatore polmonare al Policlinico