Scienza, cultura e tradizione rivivono grazie al libro

anche la facoltà di Scienze Giuridiche conivolta nella settimana delle biblioteche

La grande tradizione scientifica e culturale della città, insieme con personaggi entrati nella storia, rivive attraverso la fitta serie di eventi calendarizzati nella Settimana delle biblioteche – dal 7 all’ 11 maggio – che il Sistema bibliotecario dell’ Università di Palermo ha organizzato per promuovere la lettura. Essa resta l’ attività fondamentale per la crescita personale e collettiva  e ha nell’ Università un irrinunciabile punto di convergenza. L’ educazione alla lettura non può che cominciare dai bambini, come quelli delle elementari protagonisti nella Biblioteca interdipartimentale di discipline umanistiche, sezione linguistica, dell’ incontro inaugurale. Coinvolte, pure, le biblioteche del polo di Scienze di base e applicate; del polo di Scienze umane; del polo giuridico, economico e sociale; del polo di Medicina e del polo Politecnico. Percorsi di cultura scientifica, matematici e informatici; una mostra su Gaetano Giorgio Gemmellaro; una esposizione di pannelli sulla storia della fisica atomica e una visita della collezione storica degli strumenti di fisica; vita, documenti e fotografie di Pietro Ballatore, Giovanni Fierotti, Francesco Calabrese e Ignazio Melisenda Giambertoni.  E, poi, ancora, una riscoperta della Gazzetta Chimica Italiana; di Pietro Doderlein, personaggio di spicco della ricerca zooologica; gli antichi strumenti della psicotecnica, la letteratura odeporica in Sicilia che evoca il Grand tour e le testimonianze delle donne viaggiatrici; un viaggio nella topografia storica della città. Nella biblioteca del Circolo giuridico in mostra disegni, fotografie, gioielli e modellini mentre  l’ atrio della facoltà di Scienze Giuridiche ospiterà un evento sul Ballo storico ottocentesco. (Redazione)

Lascia un commento