Sanam Ighani e Fabio Greco in concerto alla Cuba

Sanam Ighani e, sullo sfondo, Fabio Greco

La comunità Bahà’ì di Palermo celebra il bicentenario della nascita del Bàb con un concerto alla Cuba di Villa Sperlinga, in programma mercoledì 9 ottobre alle 16 e 30, con ingresso libero. Fabio Greco accompagnerà al pianoforte il soprano Sanam Ighani.

Scopo del concerto è celebrare il bicentenario della nascita del Bàb, il precursore della fede Bahà’ì, avvenimento che coinvolge oltre 200 località italiane e migliaia di altri luoghi in tutto il mondo.

A duecento anni dalla sua nascita, l’influenza, l’attualità e l’universalità del messaggio rivoluzionario del Bàb, antesignano dei moderni diritti umani, ispirano i bahà’ì di tutto il mondo a ricordarlo in una storica celebrazione.

Mausoleo del Bab sul Monte Carmelo in Israele

Il Bàb (1819-1850), al secolo Siyyd ‘Alì-Muhammad nacque a Shiraz, in Persia, da un mercante persiano. Bambino dotato di una conoscenza intuitiva ed innata che lasciava attoniti tutti quelli che lo incontravano, una volta cresciuto fu conosciuto da tutti per la sua integrità ed onestà. Nel 1844, quando era un giovane venticinquenne, assunse il nome di Bàb, un titolo arabo che significa porta e che indicava la sua missione di annunciare l’avvento di un altro profeta, quindi un’altra “Manifestazione” di Dio: Bahà’u’llàh, il fondatore della fede Bahà’ì.

Il concerto vede al piano Fabio Greco, poeta musicale palermitano, che è noto per il forte minimalismo e per il percorso onirico delle sue composizioni. Sanam Ighani, soprano di origine persiana, da due anni ormai forma un sodalizio artistico con Fabio Greco. Con il ricamo della sua voce ora dolce, ora possente, ora impetuosa, ha saputo cogliere l’essenza di queste opere contemporanee ed ha fatto nascere un duo di straordinaria espressività artistica. (Redazione)

 

 

 

Lascia un commento