Restituite le spoglie dell’archeologo Sebastiano Tusa

Sebastiano Tusa

Saranno restituite domani, in arrivo dalla Libia, le spoglie di Sebastiano Tusa, il compianto ex assessore regionale ai Beni Culturali, morto, lo scorso 10 marzo, perchè a bordo di un aereo della compagnia Ethiopian Airlines disgraziatamente precipitato.

A sette mesi dalla tragica scomparsa, le spoglie potranno ritornare in patria ed essere restituite alla famiglia. Già predisposto un volo da Addis Abeba diretto a Roma, da cui il feretro sarà trasferito a Palermo, a Palazzo d’Orléans, per l’allestimento della camera ardente in attesa dei funerali, in programma venerdì 18 – alle ore 10 – nella Chiesa di San Domenico. Le spoglie saranno seppellite nel pantheon palermitano, accanto a quelle di Giovanni Falcone.

Insieme con il feretro di Sebastiano Tusa faranno ritorno in Italia anche le salme degli altri sette connazionali che si trovavano sul Boeing 737 Max-8, decollato da Addis Abeba in direzione Nairobi, in Kenya, dove era in programma una conferenza dell’United Nations Environment Programme. (Carmela Corso)

 

vedi

Il 10 giugno commemorazione di Sebastiano Tusa

L’archeologo Sebastiano Tusa tra le vittime di un disastro aereo

 

 

 

Lascia un commento