+ Rd rifiuti in Sicilia nel 2021

Carlo Montalbetti (al centro) a Messina a luglio alla presentazione del 27esimo rapporto Comieco

Nel 2021 la Sicilia continua a correre, nonostante i tanti problemi, e contribuisce ampiamente alla crescita della raccolta differenziata di carta e cartone nel Mezzogiorno.

Secondo il 27esimo Rapporto Annuale sulla raccolta differenziata e riciclo di carta e cartone in Italia diffuso da Comieco, nell’isola sono state raccolte e correttamente avviate a riciclo oltre 205mila tonnellate di materiale, con un aumento di più di 14mila tonnellate rispetto al 2020 per una crescita pari al + 7,6 per cento.

“La Sicilia è stata una delle regioni più virtuose dell’ultimo anno. – commenta Carlo Montalbetti, Direttore Generale di Comieco – Per la prima volta nella sua storia ha raggiunto la media pro-capite di 42,4 kg/ab-anno contribuendo per ben 1/3 alla crescita del Mezzogiorno e per il 13 per cento alla crescita complessiva nazionale.

Di sicuro sono ancora possibili grandi miglioramenti: sarà importante concentrare gli sforzi per il futuro verso la città di Palermo, in calo del 12,5 per cento nella raccolta di carta e cartone, nonché verso il livello di intercettazione della frazione cellulosica sul totale dei rifiuti prodotti dell’intera regione, fermo al 9,6 per cento e tra i più bassi d’Italia”.

Durante il 2021 Comieco in Sicilia ha gestito direttamente 166.941 tonnellate di carta e cartone, pari all’81,3 per cento della raccolta complessiva, riconoscendo ai 352 Comuni convenzionati oltre 14 milioni di euro.

Analizzando i dati del Rapporto nel dettaglio emerge come tutte le province siciliane crescano in maniera considerevole, con l’eccezione della provincia di Palermo che presenta una contrazione del 3,3 per cento rispetto all’anno precedente.

In provincia di Agrigento: oltre 17mila tonnellate di carta e cartone raccolte con pro-capite di 42,2 kg/ab-anno; in Provincia di Caltanissetta: differenziate più di 11mila tonnellate, raccolta pro-capite di 45,6 kg/ab-anno; in Provincia di Catania: raccolte oltre 43mila tonnellate di carta e cartone, pro-capite di 41 kg/ab-anno; in Provincia di Enna: più di 6.000 tonnellate raccolte, ogni cittadino ha differenziato 40,3 kg durante l’anno; in Provincia di Messina: differenziate più di 31mila tonnellate con una raccolta pro-capite di 51 kg/ab-anno; in Provincia di Palermo: oltre di 37mila tonnellate differenziate, raccolta pro-capite di 30,7 kg/ab-anno; in Provincia di Ragusa: quasi 18mila tonnellate raccolte e pro-capite più alto della regione con 56,6 kg ab/anno; in Provincia di Siracusa: raccolte più di 18mila tonnellate con una media pro-capite di 48,1 kg/ab-anno; in Provincia di Trapani: differenziate oltre 21mila tonnellate con un pro-capite di 50,9 kg/ab-anno.

A livello nazionale, nel 2021 la raccolta differenziata di carta e cartone delinea una situazione caratterizzata da un andamento ovunque positivo.

Oltre 3,6 milioni di tonnellate di materiale cellulosico sono stati differenziati complessivamente in tutto il Paese con i volumi complessivi di raccolta comunale in crescita di oltre 110mila tonnellate (+3,2 per cento) e la media pro-capite del Paese supera per la prima volta i 60 kg/ab.

Dal Rapporto Comieco risulta come l’Italia, per il secondo anno consecutivo, abbia raggiunto l’obiettivo Ue 2030 per il tasso di riciclo degli imballaggi cellulosici fissato all’85 per cento, traguardo tagliato già l’anno precedente con 10 anni di anticipo. (Redazione)

vedi

E-commerce sfida per la città