Randagismo: la Socipa dona 400 chili di cibo al rifugio Lo Scodinzolo

I volontari della Socipa con la responsabile del rifugio Lo Scodinzolo

 Sacchi di croccantini e carne in scatola riempiranno le ciotole dei cani trovatelli ospitati nel rifugio Lo Scodinzolo su iniziativa della neonata associazione di volontariato Socipa (Social Civita Palermo). 

I soci fondatori del sodalizio, capitanati dal presidente Salvo Graziano, hanno inaugurato le attività con una raccolta di cibo a sostegno della struttura che dal 1989, nel quartiere Villagrazia, accoglie amici a quattro zampe anziani e malandati, quindi bisognosi di molte cure.

Poco prima di Natale, i volontari della Socipa si sono ritrovati davanti ai negozi per animali Zoo service di via Castelforte, A casa di Lola in via Padre Nunzio Russo e Da leccarsi i baffi in corso Finocchiaro Aprile per rappresentare ai clienti le condizioni di difficoltà del rifugio, che attualmente ospita trentacinque cani ma che in passato è arrivato a ricoverarne fino a duecento.

Un piccolo gesto per infondere un po’ di fiducia”: è stato questo lo slogan dell’iniziativa, che ha avuto un ottimo risultato con 400 chili di cibo raccolti, anche se al rifugio c’è bisogno di un po’ di tutto: dal pane secco ai medicinali, fino ai detersivi. 

Abbiamo raccolto la richiesta d’aiuto della responsabile della struttura, Liliana Ragonese – dice Graziano – e ci siamo immediatamente messi in moto visto che la sopravvivenza dei cani è sostenuta, di fatto, solo dal buon cuore dei privati cittadini. Siamo orgogliosi di avere contribuito ad una giusta causa e per questo ringrazio, oltre naturalmente ai donatori di cibo, i volontari dell’associazione, a cominciare da Teresa e Oriana Bongiorno, Vittorio Grasso, Alessandro e Manuela Raja, Elisabetta Billitteri, Lilla Augello, Pippo Giuliano e Angelo D’Amico”.

L’associazione Socipa è stata costituita a fine 2019 “grazie alla volontà di persone – spiega il presidente Graziano – che credono nel miglioramento del tessuto sociale e della qualità della vita, in particolare nel territorio della città metropolitana di Palermo. Quest’anno – conclude Graziano – daremo vita ad una serie di attività utili a porre l’attenzione delle istituzioni su tutte quelle problematiche che investono la quotidianità dei palermitani, e non solo, cercando soluzioni credibili e proiettate verso una crescita sostenibile”. 

 

vedi

Rapporto uomo-animale-ambiente in primo piano

 

 

Lascia un commento