Protocollo d’intesa di Crédit Agricole Italia con Fivi

ph Marius Ciocirlan on Unsplash

Iniziative di formazione sui temi economico-finanziari e di accesso al credito; attività di ricerca finalizzate ad offrire una rappresentazione plastica del settore e dei bisogni degli operatori.

Sono queste le direttrici del protocollo d’intesa sottoscritto da Crédit Agricole Italia con Fivi – Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti a supporto delle oltre 1.700 aziende associate presenti su tutto il territorio nazionale.

Il vignaiolo indipendente è il soggetto che attua il completo ciclo produttivo del vino, dalla coltivazione delle uve fino all’imbottigliamento ed alla commercializzazione del prodotto finale.

Rappresenta piccole e medie imprese, spesso a conduzione familiare, impegnate non solo nella produzione di vino di qualità ma, anche, nella tutela del territorio e nella conservazione del paesaggio rurale italiano.

La Federazione che li rappresenta, istituita nel 2008, intende promuoverne e tutelarne il lavoro, gli interessi e le esigenze tecnico-economiche.

Di fronte ai grandi cambiamenti in atto nel mercato nazionale e internazionale del vino, l’accordo si pone l’obiettivo di far emergere conoscenze e strumenti per governare con consapevolezza i futuri scenari competitivi.

Siglato un accordo su ricerca e accesso al credito dal responsabile agroalimentare di Crédit Agricole Italia, Maurizio Crepaldi, e dal presidente della Fivi, Lorenzo Cesconi

Sono utili allo scopo attività – da realizzarsi in collaborazione con Università e Enti di Ricerca – sul tema del finanziamento della produzione di vino nelle aziende agricole dei vignaioli indipendenti italiani.

La ricerca, basata su dati forniti da Fivi, metterà al centro questioni di grande attualità come il coinvolgimento delle giovani generazioni nella gestione aziendale, la nascita di nuove cantine e l’adeguamento ai sempre più urgenti criteri di sostenibilità.

L’accordo di cui sopra è stato siglato dal responsabile agroalimentare di Crédit Agricole Italia, Maurizio Crepaldi, e dal presidente della Fivi, Lorenzo Cesconi.

L’Italia si contraddistingue per la produzione agroalimentare e per le sue tante eccellenze, come il vino. – ha dichiarato Maurizio Crepaldi di Crédit Agricole Italia –

La partnership con Fivi permette alla nostra Banca di sostenere con la nostra esperienza e i nostri strumenti dedicati queste produzioni di qualità, che rappresentano un patrimonio artigianale unico e irripetibile per il quale la sostenibilità non deve diventare un ostacolo bensì un’opportunità di crescita”.

Le sfide che ha di fronte il sistema vitivinicolo vanno affrontate con consapevolezza, conoscenza e competenza. – ha dichiarato Lorenzo Cesconi, vignaiolo e presidente Fivi –

Abbiamo bisogno di scattare una fotografia più nitida della situazione economico e finanziaria delle aziende dei vignaioli, per capire punti di forza e debolezza.

Occorre individuare gli strumenti migliori per garantirne la sostenibilità, facilitarne il finanziamento, agevolare il passaggio generazionale e la nascita di nuove aziende verticali, che rappresentano un valore aggiunto fondamentale per l’intero sistema Paese”. (Redazione)

vedi

Crédit Agricole Italia punta su Catania (con 100 milioni)