A Romagnolo un caffè letterario

lo stand Florio

Meno di due mesi alla fine dei lavori di restauro dello Stand Florio, conosciuto dai più come “La tavernetta del Tiro”. E’ un piccolo gioiello l’ edificio sito in via Messina Marine, nel litorale di Romagnolo, costruito nel 1905 per volere della famiglia Florio, su progetto di Ernesto Basile. Si tratta di uno degli esempi meno conosciuti di liberty mediterraneo, utilizzato originariamente dalla nobiltà palermitana per le gare di tiro al piccione e sport acquatici. Dotato di un grande chiosco in stile islamico moresco a pianta ottagonale, è sormontato al centro da una cupoletta tondeggiante del tipo colore rossiccio, e da due terrazzini laterali. L’edificio, parte di un più ampio complesso immobiliare che – in origine – comprendeva anche un Kursaal sul mare (convertito durante la guerra a magazzino per le truppe e, successivamente, a solarium dai proprietari del vicino Ospedale Buccheri La Ferla), che ha versato per anni in stato di degrado e abbandono, è stato consegnato dai funzionari del Demanio, lo scorso 14 luglio, alla società ServizItalia Soc Coop, vincitrice del bando per la riqualificazione del sito. La società, amministrata da Fabio Vajana, cui verrà affidata una concessione di 50 anni, realizzerà un progetto di vera e propria rinascita dello Stand Florio. L’area di 4.000 metri quadrati, destinata alla cultura e al turismo, verrà trasformata in uno spazio polifunzionale. «Dopo i lavori – riferiscono dall’ufficio del Demanio – nasceranno un caffè letterario, una sala lettura (che sarà utilizzata anche per eventi mostre temporanee e con un piccolo spazio libreria) e un’area divulgativa/culturale per presentazioni, lectio, giornate formative. Il progetto di valorizzazione prevede anche il recupero del giardino e delle aree esterne che diventeranno un’area ristorazione, uno spazio per eventi culturali e sociali, un palco e un’arena per 300 posti, una concert hall per 300 posti e una grande agorà per mostre temporanee, esposizioni, fiere e presentazioni» (Carmela Corso)

Lascia un commento