Poste Italiane, conferma Green

L’impianto fotovoltaico di Palermo

A Carini e Palermo Poste Italiane fa allacciare alla rete elettrica i grandi impianti fotovoltaici rispettivamente dell’ufficio postale di via Campo Sportivo e del Centro di Smistamento di via Ugo la Malfa, che aggiungono, così, un importante tassello ai piani aziendali in tema di sostenibilità.

I 2 impianti sono gli ultimi di 6 già operanti sul territorio palermitano, ed entrano così a far parte del più ampio progetto che vede il completamento su tutto il territorio nazionale di oltre 170 installazioni, 51 delle quali sull’Isola confermando la scelta Green.

L’impianto inaugurato a Palermo poche settimane fa, è inoltre il più grande sistema di pannelli fotovoltaici di Poste Italiane attualmente in esercizio in Italia. Proprio la Sicilia infatti, soprattutto per le sue caratteristiche climatiche, si conferma un territorio in cui l’azienda sta investendo in modo deciso sulla produzione di energia solare per il proprio fabbisogno.

Ridurre l’inquinamento e abbattere i costi sono i due grandi propositi: a oggi circa il 4 per cento del consumo del gruppo Poste proviene da energia autoprodotta grazie agli impianti fotovoltaici sparsi negli uffici postali e nei centri di recapito di tutta Italia e costituisce una produzione che vale circa 100 milioni di euro l’anno in bolletta.

La prospettiva dell’azienda guidata da Matteo Del Fante per gli anni a venire va nella direzione della carbon neutrality per il 2030, ovvero il raggiungimento delle zero emissioni nette di Co2 in atmosfera.

Si procede infatti a passo spedito in questa direzione ed entro l’anno sull’Isola salirà a 63 il numero di impianti, che produrranno oltre 4 milioni di kwh ed eviteranno emissioni di co2 per circa 1964 tonnellate annue.

Con l’energia prodotta, gli impianti siciliani concorreranno così all’ambizioso obiettivo del taglio complessivo del 30 per cento di emissioni di co2 entro il 2025. Serrata tabella di marcia, dunque, che prevede di arrivare su tutto il territorio nazionale ai 300 impianti fotovoltaici entro il 2024 ed infine 1400 impianti nel 2026.

L’installazione dei pannelli sulle sedi aziendali consentirà così la produzione del 15 per cento dell’intero fabbisogno di Poste Italiane e una grande spinta propulsiva è data anche dal progetto Polis.

Il piano non si limita infatti a portare i servizi della pubblica amministrazione nei comuni al di sotto dei 15mila abitanti, ma prevede anche una ristrutturazione in ottica di risparmio energetico dei 7000 uffici postali coinvolti.

E sono diverse infatti le sedi siciliane inserite nel progetto Polis su cui è prevista una svolta green: oltre 15 impianti fotovoltaici sono già compiuti o in corso di realizzazione. “Ogni intervento in materia di sostenibilità ambientale costituisce un grande traguardo non solo per l’azienda che lo realizza, ma per l’intera collettività”, dichiara il responsabile Immobiliare Sicilia di Poste Italiane, Pierluigi Perretta.

In particolare la produzione di energia pulita per il fabbisogno dei nostri immobili è un intervento con un forte impatto diretto – conclude – che spinge sull’acceleratore di una transizione energetica sempre più urgente”. (Redazione)

vedi

Poste Italiane sempre più green