Per i rosa ritorno al futuro (di Carmela Corso)

tifosi appena usciti dallo stadio

di Carmela Corso

 

Nel lungo tira e molla che ha segnato la gestione Maurizio Zamparini del Palermo Calcio, molti sono stati i nomi che si sono susseguiti all’interno della dirigenza e sulla sempre scomoda panchina rosanero. Una storia lunga 18 anni, fatta di gioie e dolori, arrivi, partenze, addii e ripensamenti che hanno reso le vicende della società spesso alla stessa stregua di una telenovela: dal memorabile esordio in serie A nel lontano 2004, ottenuta dopo 31 anni in sole due stagioni, alla finale di Coppa Italia nell’anno 200-10, dalla retrocessione in B alla risalita lampo, quindi nuovamente all’addio alla massima serie del campionato italiano fino all’ultima, bruciante sconfitta contro il Frosinone, costato il tanto atteso ritorno in alto, sfumato in un contestatissimo 2-1 in favore dei laziali.

Chiuso un nuovo doloroso capitolo, prossimo obiettivo stagionale: serie A; una meta quanto mai ambita dopo l’arrivo eccellente di un fuoriclasse come Cristiano Ronaldo, il campione lusitano – neo acquisto juventino – che, inevitabilmente, catalizzerà l’attenzione del mondo sul calcio italiano. Parola d’ordine: andare oltre. O forse no. Perchè, la soluzione, l’”arma  segreta”, Zamparini l’ha trovata nel passato richiamando alla sua corte due vecchie conoscenze: Rino Foschi, storico direttore sportivo degli anni d’oro del Palermo, e Bruno Tedino, il tecnico esonerato dal patron friulano non più tardi del 28 aprile scorso in favore di Roberto Stellone.

L’U.S. Città di Palermo  – si legge sul sito ufficiale – comunica che la guida tecnica della Prima Squadra è affidata a Bruno Tedino. Il tecnico dirigerà il primo allenamento della nuova stagione domenica 15 luglio nel ritiro di Sappada. La Società ringrazia Roberto Stellone ed il suo staff per il lavoro svolto. Nel contempo, L’U.S. Città di Palermo comunica che Rino Foschi è il nuovo Direttore dell’Area Tecnica. Insieme al dirigente romagnolo, si sono legati al club rosanero anche Maurizio Marin (Collaboratore Area Tecnica) e Giuseppe Corti (Responsabile Area Scouting). La Società ringrazia Aladino Valoti per il lavoro svolto”.

Stiamo lavorando per una squadra forte per lottare per la promozione in serie A – ha dichiarato Zamparini – Quello che conta oggi è che il Palermo, che è la squadra della città e dei suoi tifosi, non venga distrutto e risalga in serie A dove già dovrebbe stare se non ci avessero penalizzati nelle gare con episodi che tutti hanno potuto vedere“.

Raggiante per il ritorno alla guida della squadra Tedino che dichiara: “Sono molto felice e carico e mi piacerebbe ripartire con quell’immutato spirito di sacrificio e di lavoro che ha sempre contraddistinto la squadra. Sono determinato e ringrazio la società per avermi dato nuovamente fiducia, proveremo a ricambiarla con il lavoro sul campo. Non vedo l’ora di tornare a lavorare con la squadra, sono convinto che potremo divertirci interpretando il prossimo campionato con uno spirito propositivo. Avverto nell’aria lo spirito giusto per pervenire a un buonissimo risultato“.

Soddisfatto anche il neo direttore sportivo Foschi. “Palermo mi ha dato tanto. É un piacere tornare oltre che un grande onore parlare di questi colori” E sul suo rapporto con Zamparini afferma: “I contatti fra me e Zamparini ci sono sempre stati dal 2002 ad oggi. Fra noi c’è sempre stato tanto rispetto e confronto, ma anche momenti di sospensione“.

La quiete dopo la tempesta in attesa di nuove operazioni di mercato – che hanno segnato l’addio di La Gumina, Nestorovski, Posavec e Coronado – mirate verso il comune obiettivo di riportare i rosa nell’albo delle squadre che contano, in grado di sfornare talenti come Toni, Cavani, Pastore e Dybala,  e di competere tanto nel campionato italiano quanto in Europa, come ha già dimostrato di saper fare in passato. Certo, la strada è assai lunga e complicata. Sono piccoli passi in vista di una stagione piena di interrogativi, ricorsi, sequestri, possibili deferimenti, e numerosi dubbi sul futuro prossimo del club.

Lascia un commento