Parte la gara per ripartire (di Carmela Corso)

Leoluca Orlando

di Carmela Corso

Ripartire dalla serie D e pensare in grande con una società seria, che abbia i requisiti economici necessari e che parli palermitano. Stamani, a Palazzo delle Aquile, il sindaco Leoluca Orlando (con lui due personalità cittadine come Carlo Vizzini e Leonardo Guarnotta) ha presentato, in conferenza stampa, l’avviso per l’individuazione della società cui sarà affidato il titolo per l’iscrizione al campionato di calcio di serie D e alla quale sarà concesso l’utilizzo dello Stadio Renzo Barbera nonchè la denominazione Palermo.

Si è chiusa nel peggiore dei modi possibili, dopo 119 anni dalla sua fondazione, la storia dell’Unione Sportiva Città di Palermo. La decisione della Covisoc ha definitivamente scritto la parola fine alle speranze dei tifosi di salvare la squadra dal fallimento. Chiuso questo triste capitolo è, però, tempo di voltare pagina e guardare al futuro, di ripartire dalla serie dilettantistica e risalire, passo dopo passo, la china. Ed è in quest’ottica che si inquadra l’avviso pubblico del primo cittadino: “Un percorso – dice Orlando – per arrivare all’individuazione della società proposta alla Lega e alla Federazione per l’acquisizione del club”.

Un business plan triennale, accertate solidità finanziarie e la possibilità di avviare un azionariato popolare limitato (necessario a ricompattare il clima di fiducia e di passione fra i tifosi) ma, soprattutto, nessun finanziamento dal Comune, che possa indurre gli interessati a fare imprenditoria con soldi pubblici. Sono questi i criteri del bando di acquisizione del titolo sportivo del club palermitano, in scadenza il 23 luglio.

lo stadio Renzo Barbera

“In tanti sono interessati al Palermo Calcio. – ha detto il primo cittadino – Da sindaco ha seguito costantemente e con interesse le vicende del Palermo, formulando l’auspicio che si trovasse una nuova compagine e che si mantenesse la serie B, dopo la penalizzazione di 20 punti.  Si è creata una situazione surreale con coloro che avrebbero dovuto provvedere a determinati adempimenti che non hanno agito“.

Prima call, dunque, entro le ore 20 del 23 luglio. Sarà, poi, lo stesso Orlando ad analizzare le proposte e a decretarne la vincitrice. “Il tutto verrà pubblicato già da oggi e resterà online fino al 23 luglio“. Numerosi i criteri e le regole di designazione ed azioni a garanzia dei sostenitori dei colori rosanero, per prevenire speculazioni e nuove possibili debacle finanziarie. Chi riceverà il titolo del Palermo Calcio – specifica Orlando – “dovrà avere rapporti con la pubblica amministrazione e dovrà provvedere a un versamento non minore di 300mila euro. Abbiamo stabilito che dovrà consentire la concessione dello stadio per le gare di campionato a squadre che giocano in campionati riconosciuti dalla Figc. E’ richiesto inoltre che chi si presenta debba chiarire cosa intenda fare nei prossimi tre anni. Questo è un qualcosa di doveroso“.

 

tra gli articoli in archivio Orlando torna a chiedere chiarezza su società e stadio

 

 

 

Lascia un commento