Pari dignità per gli insegnanti di religione

Gli insegnanti di religione hanno pari dignità e pieno titolo a partecipare agli esami di Stato di primo grado. Si era già deciso che agli esami di secondo grado potessero partecipare. La Flc Cgil ha rappresentato la preoccupazione dei dirigenti scolastici del primo ciclo (evidentemente aderenti alla Flc Cgil ndr) “per la complessità delle operazioni d’esame dovuta alla presenza del docente di religione cattolica, o di attività alternative all’ insegnamento, per la prima volta in commissione d’esame, dal momento che è previsto che la commissione d’esame sia costituita dai docenti del consiglio di classe”. Le preoccupazioni, espresse dal sindacato, discendono dal fatto che la partecipazione dei docenti di religione cattolica o attività alternativa rallenteranno le operazioni d’esame, considerato che gli stessi sono presenti in diverse terze e non solo della stessa scuola.  L’ amministrazione, sebbene consapevole delle summenzionate difficoltà, non ha mostrato alcuna apertura ad un eventuale modifica della normativa, anzi ha risposto che la stessa va applicata. Nessun dubbio, quindi, sulla partecipazione agli esami conclusivi del primo ciclo di istruzione dei docenti di religione cattolica o attività alternativa. (Sergio Scialabba)

Lascia un commento