Pareggio, in fin dei conti, giusto

La prossima gara dei rosanero è in casa

In un Bentegodi deserto per la protesta dei tifosi scaligeri contro la società veneta, il Palermo ottiene un punto al cospetto di un Verona coriaceo e ben messo in campo. Un punto che arriva al seguito di una prestazione opaca.

Stellone opta per una squadra molto offensiva, con Trajkovski e Falletti esterni di centrocampo a supporto di Moreo e Nestorovski. Lo stesso tridente che nella precedente giornata ha schiantato il Pescara con un perentorio 3-0. Ma i risultati questa volta sono diversi. E’ vero che nella prima mezzora del primo tempo i rosanero mantengono il controllo delle operazioni trovandosi davanti un avversario timido. Ma anche i giocatori siciliani sembrano avere qualche problema nel portare avanti le azioni con la giusta cattiveria, nonostante qualche buon tiro in porta. Ma al 31° minuto il tridente d’attacco del Verona supera una difesa rosanero lenta e poco lucida, e permette a Di Carmine di battere Brignoli. Ma la prova che il Palermo è una squadra in eccellente salute è il fatto che l’inerzia della gara non cambia. I rosanero tengono il pallino del gioco per tutto il resto della partita, sebbene le manovre d’attacco rimangano sterili. Non è un caso che la rete che riporta l’incontro in parità al 67° nasca da un calcio d’angolo sul quale Murawski è abile a colpire di testa. A quel punto i due allenatori iniziano la girandola delle sostituzioni. Sono tutte sostituzioni votate all’attacco, segno che sia Stellone che Grosso cercano di portare a casa i tre punti. Ma nonostante il forcing finale del Palermo il risultato rimane di 1-1.
Un pareggio che in fin dei conti è giusto, sebbene lasci l’amaro in bocca poiché un Palermo più sveglio e pimpante come quello delle ultime partite avrebbe preso i tre punti anche sul campo di Verona. Lo stesso Haas nel post partita si è mostrato rammaricato per l’occasione persa.
Il Palermo sale così a 25 punti, staccando di 3 punti il Pescara che, comunque, potrebbe affiancare i rosanero in testa alla classifica qualora vincesse contro l’Ascoli domani pomeriggio. Il Palermo invece tornerà in campo nuovamente venerdì alle 21.00 tra le mura amiche del Barbera per l’ultima partita del “ciclo terribile”, per affrontare il Benevento. (Alessandro Ferrante)

Lascia un commento