Pane, olio e birra contano eccome

ph Kate Remmer on Unsplash

106 osterie in guida di cui 11 novità e 19 chiocciole: questi i numeri della Sicilia nella nuova edizione di Osterie d’Italia. Torna lo storico sussidiario del mangiarbere all’italiana: disponibile in tutte le librerie e sullo store online di Slow Food Editore, la 33esima edizione di Osterie d’Italia racconta la ristorazione italiana più autentica e di qualità attraverso le visite e le recensioni di più di 240 collaboratori sparsi in tutta Italia, in una rete fitta e capillare.

La nuova edizione raccoglie 1730 indirizzi di osterie, agriturismi, enoteche con cucina e ristoranti segnalati per la cucina territoriale, la rigorosa selezione degli ingredienti e il prezzo giusto, e introduce 3 nuovi simboli per valorizzare i locali in ragione della qualità i componenti tradizionali, di base, dell’alimentazione.

Attraverso i simboli di pane, olio e bevande di qualità si riconosce, quindi, valore all’offerta dei locali recensiti.

Il simbolo del pane viene assegnato alle osterie con un eccellente cestino del pane e di prodotti da forno, autoprodotti o reperiti da fornai di qualità̀.

Il simbolo dell’olio viene assegnato ai locali che valorizzano l’olio extravergine d’oliva sia a tavola che in cucina, secondo una selezione oculata di prodotti d’eccellenza e rappresentativi del territorio.

Il riconoscimento del Bere Bene viene assegnato a quelle osterie che offrono, accanto o in sostituzione a una valida proposta di vini, una selezione di bevande alcoliche e non – birre artigianali, distillati, cocktail ma anche succhi, estratti e infusi – scelti con attenzione e personalità. (Redazione)

vedi

106 osterie in guida e novità