Palla al centro

il campo del Renzo Barbera

(Alessandro Ferrante) Dopo dieci giorni passati seguendo ricorsi e provvedimenti della magistratura, finalmente si torna ad occuparsi di sport, di agonismo, di calcio.
E dunque il Palermo questa sera scende in campo nell’ultima gara della settima giornata del campionato di serie B.

Sul prato del Barbera i rosanero si troveranno davanti il Crotone. I calabresi, tra le squadre maggiormente titolate alla promozione in serie A, è quella che fino ad oggi ha stentato di più. Tuttavia il turno appena concluso ha visto la sconfitta per molte squadre ben messe in classifica, e una vittoria potrebbe riaprire i giochi per il Crotone come anche per il Palermo.
Il ritorno di Stellone sulla panchina è arrivato contemporaneamente alla sosta prevista dalla B a 19 squadre, dando così alla squadra più tempo per assimilare gli schemi e la mentalità del nuovo mister. Schemi e mentalità che abbiamo già avuto modo di apprezzare l’anno scorso durante l’avvicendamento giunto nel finale di stagione.
In conferenza stampa Stellone ha già sostanzialmente dato una formazione di massima ai giornalisti presenti, dando però l’incognita del modulo. “Fortunatamente in settimana abbiamo lavorato su diverse soluzioni, inoltre molti dei ragazzi li conosco perché sono gli stessi dell’anno scorso, dunque deciderò in base alle scelte di Stroppa“. Dalle parole del mister è molto probabile l’impiego dal primo minuto di Nestorovski e Puskas insieme. Un Palermo che dunque in attacco sembra promettere scintille.
Intanto Cesar Falletti è tornato in gruppo dopo essere rientrato in Uruguay per il grave lutto occorsogli, e Rispoli si è ripreso dagli acciacchi che lo hanno tenuto lontano dal campo dall’inizio della stagione. Due preziose pedine per Stellone che con tanta abbondanza avrà ampie possibilità di scelta.
Tra gli avversari si segnala invece la squalifica del difensore serbo Golemic, mentre in attacco Stoian farà da supporto a Budimir, schierato come punta centrale.

Lascia un commento