Orlando denunciò il dramma-droga

Leoluca Orlando

Il traffico di droga non conosce crisi, i consumatori nell’ultimo decennio aumentano – dal 2009 al 2017 del 30 per cento -e la pandemia ha reso il problema ancora più serio enfatizzando i risvolti di carattere sociale.

Non ancora sindaco, in un intervento sulla stampa locale il docente universitario Leoluca Orlando – 11 dicembre 1984 – scrisse “Un quotidiano nazionale appena ieri ci ha ricordato che le polizie europee hanno inferto colpi significativi al traffico di droga ma anche che tali colpi hanno bloccato soltanto un 10 per cento del traffico. Il ‘residuo’ 90 per cento alimenta una lunga catena di delitti, di tragedie individuali e familiari, di drammi sociali“.

Un tema cominciava a profilarsi all’orizzonte segnalato dall’espressione “perverso intreccio di mafia e droga“.

Orlando rappresentava l’esigenza di accompagnare la riforma sanitaria a una, organica, dei servizi sociali mettendo in luce aspetti che sono ancora attuali. Di nuovo messi in luce, a distanza di decenni, dall’attuale difficile contesto sociale pieno di incognite per il futuro. (Redazione)

vedi

Orlando con le farmacie anticovid