Nuove obliteratrici in arrivo

un bus Amat

(Carmela Corso) Dal primo dicembre i biglietti da usare su tutti i mezzi Amat – sia autobus che tram – saranno quelli con banda magnetica. I biglietti giornalieri contenuti in carnet da 20 e quelli multiday, anche se del vecchio tipo, saranno validi fino al 31 dicembre. Gli utenti ancora in possesso di quantitativi residui di biglietti da 1,40 euro, quelli appartenenti  a carnet da 23,50 euro e i giornalieri da 3,50 senza banda magnetica, a partire dal 26 novembre possono chiederne la sostituzione presso gli uffici di via Borrelli 16, dal lunedì al venerdì dalle ore 8,00 alle ore 12,30 ed il martedì e giovedì anche dalle ore 15 alle ore 17. La sostituzione con i nuovi titoli avverrà comunque fino al 31 dicembre termine oltre il quale non sarà consentito alcun cambio. In attesa delle nuove obliteratrici che renderanno impossibili le truffe dei biglietti falsi.

Arrivare in treno a Punta Raisi è più facile

Intanto, arrivare in treno dalla Stazione Centrale all’Aeroporto “Falcone Borsellino” da due settimane è più semplice, essendo entrati a pieno regime i nuovi orari per i treni Jazz e Minuetto che porteranno i passeggeri dal centro città a Punta Raisi (e viceversa), dalle quattro del mattino a mezzanotte e trenta, a seguito dell’atterraggio dell’ultimo aereo della giornata, con più corse e più coincidenze. Due i collegamenti studiati da Trenitalia e Regione Siciliana con la collaborazione dei comitati pendolari: un diretto Palermo Centrale – Punta Raisi (con fermate alle stazioni di Guadagna, Vespri, Orleans, Lolli, Notarbartolo, Francia, San Lorenzo e Carini) ogni 56 minuti; ed uno più lungo, in corsa ogni 76 minuti, che fa tappa in tutte le stazioni del circuito (Guadagna, Maredolce, Vespri, Orleans, Lolli, Notarbartolo, Francia, San Lorenzo, La Malfa, Cardillo-Zen, Tommaso Natale, Sferracavallo, Carini, Torre Chiachea e Piraineto). In attesa di una ripresa dei cantieri del passante ferroviario e di una mai vista sinergia tra Amat e Trenitalia per creare un sistema integrato. 

Lascia un commento