Nuova campagna sui lasciti testamentari della Lega del Filo d’Oro

Quella tra Renzo Arbore e la Lega del Filo d’Oro è un’antica collaborazione

(Redazione) “Tra la tua vita e la loro c’è un filo sottile”: recita così la nuova campagna dedicata ai lasciti testamentari della Fondazione Onlus Lega del Filo d’Oro che vede come protagonista Renzo Arbore, storico amico e testimonial dell’ente.

Ed è proprio quel filo prezioso – da cui prende il nome la Fondazione e quindi il concept della campagna – ad unire dal 1964 le persone sordocieche al mondo esterno, con l’obiettivo di condurle oltre il buio e il silenzio a cui sembrerebbero essere destinate, per sostenere e promuovere il loro percorso verso l’autonomia.

Ma è principalmente grazie alla generosità di tanti italiani che hanno scelto di ricordare la “Lega” nelle ultime volontà se la Fondazione può continuare a crescere, prefiggendosi importanti progetti, come il completamento del secondo lotto del nuovo Centro Nazionale o l’apertura di nuove Sedi, per poter rispondere alle richieste di supporto e assistenza specialistica delle famiglie delle persone sordocieche.

Con oltre 100 milioni di euro raccolti negli ultimi 15 anni, i lasciti testamentari rappresentano una delle principali forme di sostegno per la Lega del Filo d’Oro che, dal 1970 ad oggi, ha ricevuto più di mille lasciti con i quali ha potuto potenziare lo sviluppo dei servizi in favore dei propri ospiti, garantendo sempre un elevato standard qualitativo grazie alla professionalità dei suoi collaboratori e alla continua implementazione delle strutture.

In particolare, il numero più alto di donatori, in prevalenza donne, che hanno inserito la Lega del Filo d’Oro nel proprio testamento si registra in Lombardia (nel 24 per cento dei casi), seguita da Toscana (nel 13 per cento dei casi), Emilia Romagna (nel 12 per cento dei casi), Marche e Lazio (entrambe nel 10 per cento dei casi).

Aiuti preziosi, come il generoso lascito che ha contribuito alla costruzione del nuovo Centro Nazionale di Osimo (An) che, una volta terminato, permetterà di garantire assistenza, educazione, riabilitazione, nonché il recupero e la valorizzazione delle potenzialità residue e il sostegno alla ricerca della maggiore autonomia possibile di bambini, ragazzi e adulti sordociechi e pluriminorati sensoriali.

Il lavoro della Lega de Filo d’Oro accanto alle persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali necessita di tanta attenzione e cura, ma anche di progettualità a lungo termine per garantire a tanti il sostegno di cui hanno bisogno. Abbiamo diversi progetti da portare a buon fine e attualmente il più importante è il completamento del secondo lotto del nuovo Centro Nazionale di Osimo, destinato a ospitare strutture essenziali quali le residenze per gli ospiti a tempo pieno e le foresterie, le piscine e le palestre, fondamentali per le attività riabilitative di fisioterapia e idroterapia, e infine  i servizi mensa, cucina e lavanderia – dichiara Rossano Bartoli, presidente della Lega del Filo d’Oro –  Ma desideriamo anche essere più vicini a tutte le persone sordocieche, raggiungendole lì dove occorre, facendo sempre attenzione a mantenere alto il nostro standard di qualità. La scelta di un lascito testamentario a favore della Lega del Filo d’Oro ha un valore estremamente importante. È un atto di altruismo alla portata di tutti, in grado di vivere per sempre e anche un piccolo contributo può fare la differenza”.

La campagna vivrà con uno spot tv e radio, su stampa e su web. Per maggiori informazioni su come destinare un lascito solidale a favore della Lega del Filo d’Oro è possibile richiedere la Guida Lasciti contattando il numero verde 800 96 96 00, scrivendo a lasciti@legadelfilodoro.it oppure visitando il sito.

 

vedi

Lega del Filo d’Oro sempre attiva a Termini Imerese

Lega del Filo d’Oro pioniera del Testamento Solidale

 

 

Lascia un commento