Nonostante la voglia di vincere la squadra è sconfitta

(Alessandro Ferrante) Si potrebbe parlare a lungo della partita di ieri che ha visto i rosanero soccombere al Pescara nei minuti finali. Ci sono aspetti positivi come la voglia di vincere messa in campo dai giocatori che non hanno mai mollato se non nel finale quando la rete di Scognamiglio ha condannato la squadra allenata da Roberto Stellone alla quinta sconfitta stagionale. Molto positive anche le prove di alcune seconde linee che sono apparse cariche e in grado di reggere l’impatto dei 90 minuti con personalità. Vedasi l’ottima prova della coppia centrale PirrelloSzyminski, di Mazzotta sulla fascia sinistra e di Fiordilino a centrocampo. Anche le statistiche parlano tutte a favore della squadra siciliana. Eppure la palla è rotonda, e il bello del calcio sta tutto nell’imprevedibilità dei risultati. E così ci ritroviamo a commentare questa sconfitta immeritata per i rosanero, che restano al terzo posto ma vedono allontanarsi la coppia di testa (Brescia e Lecce a 54 punti) e avvicinarsi le rivali: Pescara e Verona a 48 punti, Benevento a 47. Sono proprio Verona e Benevento le prossime formazioni che affronterà il Palermo, e sono scontri dai quali passa il treno della promozione diretta. Quella che i rosanero non devono lasciarsi sfuggire.

La sfida contro il Verona sarà Lunedì sera alle 21.00, cosa che permette ai rosanero di recuperare energie fisiche e psicologiche, nonché di ritrovare e rigenerare giocatori che non hanno giocato ieri in Abruzzo: Bellusci e Rajkovic (coppia di centrali titolari), Nestorovski in attacco nonché Falletti, che dovrebbe recuperare pienamente dall’infortunio che negli ultimi giorni lo ha tenuto lontano dal campo di gioco.
Aver perso una battaglia non significa aver perso la guerra, e Stellone dovrà essere capace di far ripartire il gruppo dei suoi giocatori dallo spirito battagliero che ha permesso ai rosanero di imporre il proprio gioco per oltre 60 minuti sul campo di una delle dirette avversarie nonostante le numerose defezioni. La procura di Palermo, intanto, ha chiesto il  procedimento speciale, rito “immediato” per l’ex presidente del Palermo Calcio Maurizio Zamparini accusato di falso in bilancio e false comunicazioni sociali.

Lascia un commento