Nespresso si impegna a Gratteri

Nespresso è un’azienda impegnata in attività ambientali e sociali

Un’area di 10mila mq a Gratteri, nel cuore del Parco Regionale naturale delle Madonie all’interno del Global Geopark Unesco, è protagonista di un intervento di rigenerazione ambientale che ha l’obiettivo di rispristinare la macchia mediterranea andata distrutta a causa dei gravi incendi recenti che hanno interessato la zona lo scorso settembre.

Un intervento che è parte integrante del progetto Le città che respirano di Nespresso, promosso dall’azienda di caffè per sostenere e valorizzare il patrimonio ambientale e paesaggistico italiano e intervenire in aree bisognose da un punto di vista di tutela, ripristino ambientale e sostegno del territorio.

Il borgo di Gratteri è, infatti, custode di un territorio ricco di storia e di biodiversità che, negli ultimi anni, è stato teatro di devastanti incendi che ne hanno compromesso l’equilibrio ecosistemico.

Nel settembre 2023, in particolare, un violento incendio ha distrutto oltre 2.000 ettari di terreno, tra cui parte del bosco e diverse abitazioni. Un territorio che non è nuovo a tali disastrosi eventi: nell’agosto del 2007 e ancora nell’estate del 2016 due episodi incendiari di inaudita violenza avevano già martoriato quest’area, riducendo in cenere migliaia di ettari di vegetazione e mettendo in pericolo la cittadinanza dei centri abitati nelle immediate vicinanze.

L’intervento di tutela ambientale, che ha preso il via oggi e che terminerà ad inizio 2024, avrà quindi l’obiettivo di contribuire al risanamento dei danni ambientali causati dal fuoco e preservare il valore naturalistico del Parco delle Madonie.

Nello specifico l’area è situata nelle vicinanze della famosa Abbazia di San Giorgio costruita intorno all’anno 1100 dai monaci Premostratensi provenienti dalla Normandia. Qui si procederà inizialmente alla pulizia dell’area ed al taglio degli alberi danneggiati dal fuoco, ricreando le condizioni ottimali per la reintroduzione delle specie vegetali caratteristiche dell’habitat preesistente.

Si lavorerà, poi, alla messa a dimora di 300 nuove piante per sostenere la rinaturalizzazione della zona. Particolare attenzione è stata posta nella scelta delle specie individuate tra quelle autoctone e in grado di resistere al fuoco come il Leccio, la Sughera, il Corbezzolo, il Mirto e l’Alloro.

La scelta, da parte di AzzeroCo2, del territorio del mio Comune per un intervento di ricostituzione del ‘verde’ andato in fumo di seguito al gravissimo incendio dei giorni 21 – 22 settembre mi ha fatto gioire non poco – ha dichiarato il sindaco di Gratteri, avv. Giuseppe Muffoletto -. L’iniziativa, infatti, possiede una forza simbolica di tutto rispetto giacché collegata alla voglia di ‘rinascita’ comune alle popolazioni delle Madonie tremendamente sfigurate dagli eventi incendiari degli ultimi anni. Un grazie particolare rivolgo a Nespresso che si è fatta carico della spesa necessaria per la concretizzazione dell’iniziativa”.

L’iniziativa Le città che respirano, lanciata nel 2020 da Nespresso, rientra in Mosaico Verde, la grande campagna nazionale di forestazione di aree urbane ed extraurbane e tutela di boschi ideata e promossa da AzzeroCo2 e Legambiente per coinvolgere aziende ed enti pubblici, con l’obiettivo di restituire valore al territorio e contrastare i cambiamenti climatici.

Alla conferenza stampa di presentazione del progetto, tenutasi presso la Sala Consiliare del Comune sono intervenuti Giuseppe Muffoletto, sindaco del Comune di Gratteri, Silvia Totaro, Sustainability & She Manager di Nespresso Italiana, Antonio Brunori, segretario generale di Pefc Italia, Elena Piazza, responsabile dei progetti di forestazione di AzzeroCo2, e Legambiente Sicilia.

L’intervento di rigenerazione ambientale cominciato oggi a Gratteri rappresenta per noi una nuova importante tappa del progetto ‘Le città che respirano’ con il grande valore di intervenire in maniera tempestiva dopo gli accadimenti dello scorso settembre in questa zona meravigliosa. Puntiamo a una rinascita di questo luogo per restituirlo alla comunità che lo vive e lo ama, ma anche all’Italia intera come patrimonio nazionale.

Il progetto “Le città che respirano” fa parte del più ampio programma ‘Nespresso per l’Italia’ dedicato a iniziative concrete e locali sul territorio, che uniscono clima, persone, ambiente ed economia circolare con il recupero e il riciclo anche delle nostre capsule di caffè.

Cerchiamo di fare il nostro meglio per rendere ogni tazzina di caffè sostenibile a tutto tondo, e speriamo che questo sia l’inizio di un impegno più ampio, anche di altre realtà che possono investire a supporto dei nostri territori” ha dichiarato Silvia Totaro, Sustainability & She Manager di Nespresso Italiana.

L’iniziativa, realizzata in collaborazione con Pefc Italia, è più di un semplice intervento ambientale, ma rappresenta una concreta opportunità di rilancio per l’intero ecosistema della zona: riqualificare 10mila mq significa infatti rafforzare in modo concreto la capacità di ripresa ambientale e paesaggistica dell’intero Parco per aumentarne anche la resilienza climatica.

Pefc Italia è orgogliosa di collaborare alla realizzazione di questo progetto perché, come in altre parti d’Italia, si occupa di gestione sostenibile delle foreste esistenti e di rigenerazione delle aree che hanno subito disturbi ecologici biotici e abiotici come quelli causati dalla tempesta Vaia sulle Alpi o i danni nelle aree colpite da incendi boschivi” – ha commentato Antonio Brunori, Segretario Generale di Pefc Italia.

Le città che respirano – attraverso cui è stato reso possibile l’intervento di Gratteri – è l’iniziativa con la quale Nespresso si impegna, insieme a Legambiente e AzzeroCo2, a tutelare il patrimonio naturalistico e ambientale italiano, con l’obiettivo di rendere l’Italia sempre più verde, aumentarne la biodiversità e dare a tutti la possibilità di vivere attivamente il proprio territorio riscoprendone la bellezza.

Un progetto che, dal 2020, ha permesso di riqualificare oltre 67mila mq di territorio italiano tra Piemonte, Lombardia e Lazio, con interventi urbani all’interno e nelle periferie delle città, e in Puglia, Sardegna, e oggi in Sicilia, per supportare aree colpite da gravi incendi.

Siamo orgogliosi di vedere concretizzarsi in Sicilia un importante progetto di ripristino ambientale, reso possibile grazie alla partnership con Nespresso. Un intervento che permetterà al territorio di Gratteri di guarire dalle ferite subite e che consentirà di ricreare le condizioni per far rinascere un ecosistema fortemente danneggiato dagli incendi, restituendo al territorio la sua complessità naturale e preservando un patrimonio di biodiversità unico – ha dichiarato Elena Piazza, responsabile Progetti Forestazione di AzzeroCo2.

L’iniziativa rientra nel progetto europeo ‘LIFE Terra’ che vede Legambiente come unico partner italiano e del quale noi siamo sostenitori, un esempio concreto di come il lavoro sinergico tra diverse realtà consenta di restituire pregio ai nostri territori e consegnare ai cittadini luoghi fruibili a contatto con la natura”.

L’intervento avviato a Gratteri darà modo a quest’area del Parco di rigenerarsi attraverso la naturale ricostituzione della sua ricca biodiversità – ha dichiarato Mimmo Fontana, componente della Segreteria nazionale di Legambiente – Interventi come questo ci ricordano l’importanza della tutela attiva del nostro capitale naturale, capaci di coniugare salvaguardia ambientale e benefici per le comunità“. (Redazione)

vedi

Nespresso riuso capsule in aumento