Miracolo in via Notarbartolo: l’acqua sgorga dal sottosuolo

Un fiume d'acqua in via Notarbartolo
Il punto di arrivo del fiume d’acqua creatosi in via Notarbartolo

(Sergio Scialabba) A due passi dal palazzo della Corte dei Conti, dove solerti magistrati erano già immersi nel loro lavoro, ovvero indagare sugli orrori amministrativi e contabili di cui i cittadini siciliani sono da tempo immemore vittime incolpevoli, poco distante da bar e ristoranti molto frequentati da politici e alti e, soprattutto, bassi burocrati, nelle loro faccende affaccendati, l’acqua ha preso a sgorgare dal sottosuolo.

Il fatto inusuale è avvenuto in via Emanuele Notarbartolo, una delle strade più eleganti della capitale della Sicilia. Si è subito notato un fiume, che ha trovato la sua strada pensando, si presume, di poter raggiungere il porto, e che è andato via via allargando il proprio corso. In un primo momento, nessuno si è reso conto di cosa stesse accadendo. Pochissimi avrebbero rievocato le parole di Eraclito: “A chi discende nello stesso fiume sopraggiungono acque sempre nuove (frammento 12)” e soprattutto “I porci godono della melma più che dell’acqua pura (frammento 13)”.

A due passi dalla Corte dei Conti, l’acqua ha preso a sgorgare dal sottosuolo

Molti, per la verità, sono sempre più ossessivamente interessati ai contenuti del proprio smartphone, senza curarsi di ciò che accade intorno. Si tratta di un fenomeno sociale su cui il mondo accademico sta svolgendo analisi molto accurate. Il problema sociale riguarda, evidentemente, anche chi ha responsabilità pubbliche.

A un occhio attento, però, non è passato inosservato che l’acqua sgorgava da un buco nell’asfalto, in prossimità di un marciapiede, all’altezza di uno storico edificio. Potrebbe trattarsi di un presagio, un segnale proveniente non dal cielo, ma dalla terra. Non per questo meno carico di significati. È verosimile che qualcuno lo abbia, frattanto, segnalato agli uffici competenti. Temendo, in primo luogo, che le calzature di qualche passante potessero, nel frattempo, subire dei danni.

 

vedi

Strade come fiumi in piena

Si parla di via Notarbartolo

Fulmine provoca incendio a Villabate (di Gabriele Giovanni Vernengo)

 

 

 

 

Lascia un commento