Mentre il settore delle Tlc corre i call center restano al palo

ph Robin Worrall on Unsplash

(Sergio Scialabba) Mentre il mondo delle Tlc corre, i call center sembrano restare al paloSi concluso con l’ennesimo nulla di fatto il vertice al Ministero del Lavoro sulla vertenza Almaviva. Nel call center di Palermo sono a rischio 1600 posti di lavoro (ce ne siamo occupati tante volte ndr)  perchè non sono state finora adottate le misure necessarie per fronteggiare le trasformazioni che stanno investendo il settore ad impressionante velocità.

Negli ultimi giorni sono state lanciate accuse a Sky per avere annunciato una riduzione della commessa pari al 36 per cento. Scelta che, in una logica di mercato, non può essere imputata a un player piuttosto che ad un altro. Data la rilevanza pubblica delle attività in questione e dato anche il numero dei posti di lavoro in gioco, i governi nazionali succedutisi a partire dalla crisi dei call center avrebbero dovuto elaborare una strategia e destinare fondi per la riconversione. Nessuna delle due cose è stata fatta.

Incidentalmente va rilevato come Sky sia attualmente molto attiva e non solo per l’annunciato ingresso nelle telefonia. Recentissimo è  l’importante accordo con la media company ViacomCbs che chiuderà la concessionaria di pubblicità in Italia. Della raccolta si occuperà proprio Sky a partire dal prossimo 2 febbraio.

 

vedi

Sky preoccupa l’amministrazione comunale

 

 

Lascia un commento