L’opera di Pina Baush rivive in un film

Pina Baush (immagine YouTube)

Torna Palermo Palermo di Pina Bausch e, questa volta, in versione cinematografica. Realizzato dalla Pina Bausch Foundation, il film ha attinto alle riprese effettuate durante alcune recite del celebre spettacolo, che debuttò, in anteprima, a Wuppertal nel dicembre del 1989 e pochi giorni dopo, nel gennaio del 1990, al Teatro Biondo.

Sarà proiettato, in esclusiva mondiale, il 3 novembre, alle 20, nel corso di una giornata dedicata a Pina Bausch nel decennale della scomparsa della grande artista tedesca. Ma non sfugge che l’evento coincide con il trentesimo anniversario della caduta del muro di Berlino e, quindi, diventa pretesto per una rievocazione della storia comune.

Le porte del teatro Biondo saranno, dunque, aperte gratuitamente alla città fino ad esaurimento dei posti, alla presenza del figlio della coreografa Salomon Bausch, oggi direttore esecutivo della Pina Bausch Foundation, di Ismael Dia, direttore dell’archivio della Pina Bausch Foundation, e dei danzatori del Tanztheater Wuppertal Beatrice Libonati e Jan Minarik, che furono tra gli interpreti della storica edizione dello spettacolo.

Pamela Villoresi

L’annuncio è stato dato, a Palazzo delle Aquile, dal sindaco Leoluca Orlando insieme con il presidente del Teatro Biondo prof. Giovanni Puglisi e con il direttore del Biondo Pamela Villoresi, alla presenza dei rappresentanti della Regione.

Il progetto, nato da un’idea di Pamela Villoresi e di Leoluca Orlando – curato e organizzato dal Teatro Biondo e dalla Pina Baush Foundation  – porta il titolo di quello che sarà il nuovo spettacolo dedicato alla città: palermoWpalermo, dove W sta per Wuppertal, sede della compagnia di Pina Bausch e della fondazione a lei intestata e diretta dal figlio Salomon Bausch. Ma W viva è, pure, l’esclamazione di augurio che segna la ritualità del festino di Santa Rosalia, la protettrice della città con la quale la coreografa aveva un rapporto profondo e creativo. (Sergio Scialabba)

 

 

 

 

Lascia un commento