L’open banking di Mps affidato a Ethymo

Nordwood Themes on Unsplash

È Ethymo, ideato dalla startup Firedesktop, il progetto scelto nell’ambito dell’iniziativa sull’open banking di OfficinaMPS, il laboratorio permanente di Banca Monte dei Paschi di Siena, sviluppato in collaborazione con Accenture e dedicato all’innovazione.

Il software sfrutta l’intelligenza artificiale in grado di individuare, interpretare e rendere disponibili, in tempo reale, le informazioni contenute all’interno degli archivi documentali, automatizzando e rendendo più efficienti i processi aziendali.

Risponde, intanto, alle esigenze della banca di gestione dell’emergenza covid-19, semplificando e accelerando il recepimento delle richieste di agevolazione finanziaria in questo momento di difficoltà, ma riguarda lo sviluppo della tech-fin, ovvero l’adeguamento delle banche tradizionali alle nuove tecnologie dell’informazione fondate su dati aggregati, intelligenza artificiale e cybersecurity.

Ethymo è in grado di leggere, recuperare e classificare le informazioni presenti nei documenti, da quelli anagrafici fino a quelli reddituali. Può individuare, inoltre, la documentazione necessaria per accelerare il completamento delle pratiche in corso, facilitare la verifica della conformità ma, anche, automatizzare lo smistamento delle comunicazioni che avvengono tramite le caselle di posta elettronica centralizzate, attribuendole al fascicolo corretto.

Grazie a queste caratteristiche, il progetto è risultato funzionale anche alle esigenze della banca per la gestione dell’emergenza epidemiologica in corso. Il software sarà utilizzato, infatti, per automatizzare le richieste di finanziamento permettendo di ridurre la presenza in filiale dei clienti, minimizzare i rischi operativi dovuti all’errata compilazione dei documenti, implementare il controllo dei moduli caricati nel dossier digitale permettendo, quindi, di velocizzare il processo di lavorazione delle pratiche. (Redazione)

 

vedi

Mps premia chi innova nell’Agrifood

Avanti su intelligenza artificiale, Data Science e cybersecurity

 

 

Lascia un commento