Lo sport cittadino diventa un network

Una immagine della conferenza-stampa dove si è presentata la polisportiva virtuale

(Redazione) Una polisportiva virtuale, ovvero un network tra società sportive per promuovere l’appartenenza allo stesso territorio, condividendo un unico brand  e sotto gli stessi colori: rosa e nero.

Il progetto è stato presentato dal presidente del Palermo Calcio Dario Mirri che, a Palazzo delle Aquile. Il presupposto è che “l’unione fa la forza”: le società sportive, qualsiasi sia la disciplina, manterranno la propria struttura organizzativa, la propria autonomia e la propria identità, ma condivideranno una idea comune di brand identity, beneficiando dell’effetto traino dovuto alla popolarità di cui gode inequivocabilmente il calcio presso il pubblico generalista. 

Il Palermo metterà a disposizione il proprio marchio, i propri colori e un’intera linea di merchandising che verrà condivisa con le varie società aderenti, una per ogni disciplina.

Le società che accetteranno di anteporre la dicitura Palermo alla propria denominazione e di adottare i colori rosa e nero parteciperanno agli introiti provenienti dalla commercializzazione dei prodotti a marchio Palermo e rappresenteranno, quindi, la città, nella disciplina di riferimento, in tutte le competizioni nazionali. 

Ogni sport avrà un marchio immediatamente riconoscibile dal nome e dai colori ma senza perdere la propria identità. Ciascuno parlerà per suo conto, per conto della squadra cittadina e del territorio cui appartiene. 

Questa iniziativa – ha detto il sindaco Leoluca Orlandodimostra ancora una volta che costruire una dimensione di comunità tra le forze più virtuose diventa un’opportunità per il territorio. In più, ogni società, ogni squadra potrà beneficiare dei risulta ottenuti dalle altre rappresentanti della città, davvero ‘facendo squadra’ insieme”.

Le società sportive di Palermo avranno 30 giorni a disposizione a partire dal 25 febbraio, data della pubblicazione del call sul sito del Palermo calcio dove si può scaricare il modulo contrattuale predisposto per aderire al network.

 

vedi

L’ora di Hera Hora: il sindaco auspica che sia coinvolta la città

 

 

Lascia un commento