Rivedere e applicare la 107/2010

Il 3 dicembre è la Giornata Mondiale della Disabilità

Pari opportunità e un futuro privo di barriere in cui il pieno riconoscimento dei propri diritti venga attuato garantendo un’inclusione reale: chiedono questo le persone con sordocecità e pluriminorazione psicosensoriale, oltre 360 mila in Italia (lo 0,7 per cento della popolazione).

Una fascia di popolazione spesso invisibile che rischia di essere confinata nell’isolamento imposto dalla propria disabilità a causa dell’assenza di efficaci processi di analisi dei bisogni specifici di queste persone, delle barriere e delle disuguaglianze che sono costrette ad affrontare.

In occasione della Giornata Internazionale delle persone con disabilità oggi 3 dicembre, la Lega del Filo d’Oro riaccende l’attenzione su questa disabilità complessa, portando avanti il proprio impegno affinché in Italia l’iter per la revisione e la piena applicazione della Legge 107/2010 – che riconosce la sordocecità come una disabilità unica e specifica – non si fermi e, parallelamente, dando voce alle tante famiglie che chiedono soluzioni concrete per il futuro dei propri figli.

Nonostante gli importanti passi fatti negli ultimi anni, nel nostro Paese manca ancora una Legge che funzioni realmente e una sensibilità collettiva che porti le persone sordocieche e le loro istanze ad essere viste ed ascoltate da tutti.

Una delle necessità che percepiamo, infatti, come prioritarie, in questo contesto storico così difficile per tutti, è sicuramente quella di diventare visibili, con i nostri bisogni specifici e complessi, che richiedono tanta cura – sottolinea Francesco Mercurio, presidente del Comitato delle persone sordocieche della Lega del Filo d’Oro – Da quasi 60 anni la Lega del Filo d’Oro è impegnata al nostro fianco, ma il suo operato non basta. È importante fare rete, anche nei territori, per replicare il suo modello e fare in modo che per noi persone sordocieche e per le nostre famiglie non rimanga il miraggio.

Perché abbiamo bisogno di più interpreti che ci supportino nelle attività quotidiane, di maggiori ausili tecnologici che agevolino la nostra autonomia e di qualcuno che ci insegni ad utilizzarli, perché se è vero che aprono grandi scenari è altrettanto vero che possono creare barriere e, più in generale, abbiamo bisogno di vivere occasioni inclusive che ci permettano di farci sentire partecipi della società in cui viviamo.

Dunque, l’appello che sento di lanciare a tutti, Istituzioni e opinione pubblica, in occasione di questa importante giornata è: non perdeteci di vista, imparate a guardarci davvero e ad ascoltarci”.

Per garantire risposte adeguate ai bisogni specifici delle persone che non vedono e non sentono e delle loro famiglie, in occasione di questa Giornata così importante, la Lega del Filo d’Oro lancia la campagna di raccolta fondi #ilsensodelnatale.

L’obiettivo principale è permettere alla Fondazione di garantire standard elevati di servizio e soprattutto di raggiungere, attraverso l’apertura di nuovi Centri e Sedi Territoriali, sempre più persone, là dove esse vivono. Tutti possono sostenere la campagna #ilsensodelnatale con una donazione sul sito dedicato.

Le famiglie delle persone sordocieche chiedono a gran voce che sia garantito l’accesso a servizi e strutture specializzate nel trattamento di queste specifiche disabilità, ribadendo il principio che nessuno sia lasciato indietro – spiega Daniele Orlandini, presidente del Comitato dei familiari della Lega del Filo d’Oro – È necessario istituire una rete di servizi sul territorio che sia di supporto ai familiari per garantire imprescindibili servizi educativi e sanitari e sostenere l’inclusione sociale dei nostri figli.

Devono essere abbattute le barriere che precludono ulteriormente a noi famiglie una normalità, già ampiamente intaccata dalla gestione di queste complesse disabilità. Auspichiamo che si inizi oggi a porre le basi per il domani e per il futuro, affinché si possano attuare progetti di vita autonoma e dignitosa, considerando che disabilità più complesse richiedono sostegno maggiore.

Chiediamo che si mettano in atto tutte le azioni utili e necessarie a promuovere e favorire il benessere, l’inclusione sociale e l’autonomia delle persone sordocieche pluriminorate sensoriali. Confidiamo di ottenere risposte concrete per il futuro dei nostri figli, considerando che tutte le nostre risorse sono spesso già insufficienti ad affrontare l’attuale quotidianità”.

Tutti hanno delle potenzialità: il compito dei professionisti dell’Ente è scovarle, per costruire insieme agli utenti di cui si prendono quotidianamente cura quelle piccole e grandi conquiste che cambiano loro la vita.

Ma senza il sostegno dei donatori, tutto ciò non sarebbe possibile. Per contribuire a realizzare i desideri di tanti bambini seguiti dalla Fondazione si può sostenere, con una donazione piena d’amore, la campagna #ilsensodelnatale, visitando il sito. (Redazione)

vedi

Lega del Filo d’Oro alla Statale