L’edizione 2020 di Sharper Night avrà luogo il 27 novembre

ph Ryan Jacobson on Unsplash

L’edizione 2020 della Notte Europea dei Ricercatori, evento internazionale dedicato al confronto tra società civile e mondo della ricerca è stato posticipato al 27 novembre. Sharper –  Sharing Researchers’ Passion for Evolving Responsibilities questo il nome dell’evento è una importante occasione per rendere i cittadini consapevoli del valore della ricerca ed è cofinanziato dall’Unione Europea nel quadro delle Azioni Marie Skłodowska-Curie del programma Horizon 2020.

Sharper si svolgerà simultaneamente in 12 città italiane: Ancona, Cagliari, Catania, L’Aquila, Macerata, Nuoro, Palermo, Pavia, Perugia, Terni, Torino e Trieste. LUniversità degli Studi di Palermo ospiterà la manifestazione nel campus universitario di viale delle Scienze. Sarà affrontato il tema del rapporto tra ricercatori e le sfide dei Sustainable Development Goals, tra le quali il diritto alla salute e a una educazione di qualità per tutti, temi ancor più attuali nell’emergenza della pandemia.

Tra i promotori di Sharper l’impresa sociale Psiquadro, l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare – Infn, lo Science Centre Immaginario Scientifico, l’associazione Observa Science in Society, la Politecnica delle Marche, l’Università di Cagliari, l’Università di Catania, l’Università di Palermo, l’Università di Perugia e l’Università di Torino. Aderiscono anche oltre 120 tra istituzioni, partner culturali ed enti di ricerca.

Nella capitale della Sicilia hanno confermato la propria partecipazione molti gruppi di ricerca e altri enti di ricerca fra i quali il Cnr, Ingv, Itd, Ibf, Irib-Cnr, Ismn-Cnr, Inaf-Iasf, Inaf-Oapa, Ispra, Airc, Ri.MED., Fondazione Fibrosi Cistica, Polizia Scientifica, Rotary International, le associazioni Palermoscienza, Geode, ISuD, la Lega Navale sezione Palermo Centro, ElementaLe Watson. (Redazione)

 

vedi

Mostre, spettacoli e conferenze per la notte dei ricercatori

La ricerca non dorme mai (di Carmela Corso)

 

 

Lascia un commento