Le edicole potrebbero rilasciare i certificati

L’edicola sotto i portici di via Ruggero Settimo, dove c’era il Banco di Sicilia

Nella capitale della Sicilia hanno chiuso, negli anni, quasi due terzi delle edicole. In molti casi erano antiche e belle, presìdi sul territorio importanti, punti di riferimento per chi avesse bisogno di una informazione, gestite da persone familiari al quartiere. Una notte bianca – organizzata dal Sindacato nazionale giornalai d’Italia – ha consentito di accendere le luci su un fenomeno che dipende, in primo luogo, dal calo impressionante delle vendite dei giornali cartacei.

Ormai da quando, negli anni 90, è iniziata questa flessione siamo giunto a meno 60 per cento. Molti giornali online – peraltro gratuiti – hanno raggiunto alti livelli di qualità e professionalità. Fanno quindi una concorrenza spietata a giornali tradizionali. Questo sposta il pubblico da un supporto ad un altro. E vale, soprattutto, per le nuove generazioni che cominciano ad accostarsi all’informazione praticamente senza avere mai conosciuto la carta.

Si aggiunga un dato culturale di fondo: in Italia si legge poco. Una delle soluzioni, e ne sono state sperimentate tante, è quella di permettere alle edicole di rendere servizi pubblici. Una interessante sperimentazione riguarda molte città italiane dove, grazie a convenzioni stipulate con i comuni, si possono richiedere certificati: residenza, cittadinanza, stato civile. Una proposta, in tal senso, è stata lanciata da Maria Astone presidente del Corecom Sicilia, nel corso di un convegno tenutosi presso il Palazzo dei Normanni. Uno degli aspetti più interessanti di queste intese è la spinta decentralizzazione dei servizi. Uno sportello molto vicino al cittadino gli risparmierebbe lunghe code negli uffici comunali. Che esasperano, tante volte, sia gli impiegati che gli utenti. (Sergio Scialabba)

 

 

 

Lascia un commento